MONI OVADIA E MUSICHE DEL MAGHREB AL MAXXI

maxxiStasera, per la rassegna Estate al Maxxi. Musica “RomAraBeat con Moni Ovadia. Il Maghreb incontra i Balcani”. Evento nella piazza del Maxxi. L’eccezionale ensemble di musicisti maghrebini, rom rumeni e italiani suona l’incontro tra melodie arabe e ritmi tzigani con al centro il Mediterraneo. La civiltà araba, diffusa in tutto il Mediterraneo, ha costellato il mondo occidentale di tesori di architettura, letteratura, pittura e musica. Le sue melodie e i suoi strumenti hanno profondamente influenzato la storia e la sensibilità musicale dell’Occidente, da Istanbul ai Balcani, dai regni del Maghreb alla Sicilia, fino in Andalusia. Accanto ai musicisti arabi che componevano e diffondevano questo repertorio troviamo altri eccellenti interpreti di questa ricchissima tradizione: i Rom. Gli artisti provenienti dal nord Africa in Andalusia e quelli che si spostavano dalla Turchia nei Balcani si avvalevano della collaborazione di strumentisti locali che spesso erano gitanos (in Spagna) e tsigani (in Romania, Bulgaria e Grecia). Ospite speciale il carismatico Moni Ovadia che con la sua emblematica voce racconta di marinai greci e feste sefardite, accompagnato dalle note pirotecniche dei musicisti in scena.