QUANDO A CORSO TRIESTE C’ERA IL CINEMA REX

cinema rexex-rexC’era una volta il cinema Rex a corso Trieste. Poi fu buttato giù per lasciare il posto agli uffici di una banca. C’è chi lo ricorda con nostalgia e rabbia per il cambio di destinazione dell’area. Come Luca che dice: “Uno dei più clamorosi e sottaciuti scempi architettonici romani, con una perdita di qualità incredibile: la demolizione dello storico cinema e la sua sostituzione con un cubetto vetrato ospitante una banca e una palazzina piuttosto squallida sul retro, su via San Marino”. Oppure, un prof indignato: “Il progetto iniziale era una vera schifezza… ma quello che poi ne è uscito fuori, se mai possibile, è ancor peggio”. E ancora Ettore: “I fatti meriterebbero nomi e cognomi di questa gentaglia indegna che dovrebbe vergognarsi di aver realizzato una schifezza del genere”. Del resto, sono tante le sale chiuse nei nostri quartieri, complice la crisi di presenze del pubblico, per non parlare di Sky. Proviamo a ricordarle. Il Cinema Gioiello, una piccola e silenziosa perdita del quartiere, si trovava in via Nomentana, 43. Il Cinema Palazzo, a piazza dei Sanniti, che vive in seguito una situazione di occupazione permanente. il Cinema Arlecchino in via Flaminia, 37. Il Cinema Arcobaleno (ex cine Nomentano), sala parrocchiale con cabina di proiezione tra le più antiche della Capitale, in via Francesco Redi, ora è un teatro. Il Cinema Embassy, sala simbolo dei Parioli in via Antonio Stoppani, irrimediabilmente sbarrato. Per non parlare del Cinema Holiday in largo Benedetto Marcello. Stessa sorte per il Cinema Empire, in viale Regina Margherita. Chiude la mesta carrellata il Cinema Africa di via dei Galla e Sidama. Che dire? Un pezzo di storia dei nostri quartieri che se ne va (se ne è già andato). “Non ci resta che piangere”, tanto per restare in tema…