MUNICIPIO: ALCUNE CONSIDERAZIONI DELL’ASSESSORE ALL’AMBIENTE

puliziaScrive Rino Fabiano, assessore Ambiente, Verde e Sport del Municipio: “Sono passate ormai quasi cinque settimane dalla dichiarazione di emergenza nazionale.Più di un mese che la città è chiusa in una morsa di rigore e consapevolezza ed inoltre dalla grande responsabilità che ognuno di noi ha ,per far sì che il Covid19 venga sconfitto. Lo sforzo di ognuno e di ognuna a riprogrammare la propria vita è straordinario. Le immagini di solidarietà e comunanza, che ogni giorno affiorano dalle mille storie umane che si raccontano, fanno onore a Roma e alla sua eterna voglia di vivere. Dal mio punto di vista di assessore all’ Ambiente del Municipo mi preme fare alcune considerazioni. La prima riguarda il fatto che il Municipio, nella sua totalità, salvo casi sporadici, risulta essere pulito sia per quanto riguarda i cassonetti sia per quanto riguarda sanificazionele strade. Un dato questo che ci deve far riflettere sul fatto che il servizio erogato per i soli residenti funziona e , se accompagnato dal rispetto dei passaggi di Ama, risulta essere anche adeguato. La seconda considerazione dice che il nostro è, di fatto, un Municipio attraversato da flussi importanti, che ne determinano la ricchezza ma anche la grande difficoltà nella gestione dei rifiuti. Le due stazioni più importanti d’Italia ( Termini e Tiburtina ), quattro sedi universitarie della Sapienza, 4 della Luiss, il Policlinico Umberto I, le caserme, i ministeri , le scuole superiori, le poste centrali, gli alberghi, gli uffici, le banche, gli impianti sportivi, i circoli sportivi, il più alto numero di locali di ristorazione e Intrattenimento diurno e notturno a Roma, il piu alto numero di occupazioni di suolo pubblico ( cifra da condividere con il Municipio 1), 8 ville storiche e 6 di pregio, 3 milioni e mezzo di mq di verde orizzontale e 30mila alberi… Questo è il nostro Municipio… Alla luce di queste considerazioni ecco spiegati i motivi per cui nel quotidiano il nostro territorio non può risultare essere pulito adeguatamente. Con spirito costruttivo, da questa fotografia della realtà, dobbiamo ricostruire un senso ai servizi, in relazione a ciò che i territori sono realmente. Ognuno con le sue caratteristiche. E sarà questo ancora una volta il mio chiaro messaggio a Calderon Della Barca (sede della Direzione Generale Ama) e al Campidoglio. Con questo rinnovato impegno affronto il presente”.