NONOSTANTE I DIVIETI, LO SMOG A ROMA RESTA ALTO

smogLa prima delle tre giornate di blocco del traffico per i veicoli diesel, compresi gli ultimissimi Euro 6, non ha portato a un abbassamento della elevata concentrazione di polveri sottili nell’area. Al contrario. Lunedì, senza i provvedimenti restrittivi, erano otto su tredici le centraline con i livelli fuorilegge, mentre martedì, con i provvedimenti di divieto in vigore, ben nove su tredici. I dati ufficiali dell’Arpa Lazio attestano, inoltre, che alcune delle stazioni di rilevazione della qualità dell’aria hanno sforato la soglia di polveri sottili quasi tutti i giorni da inizio anno. Una situazione critica che ha indotto il Campidoglio ad imporre limitazioni del traffico, con lo stop per tutti i diesel in vigore da martedì fino a oggi. L’ultimo sforamento dei limiti è avvenuto a: Arenula (51), Preneste (57), Francia (52), Magna Grecia (58), Cinecittà (57), Villa Ada (51), Eur Fermi (55), Bufalotta (53), Tiburtina (67). A Cipro invece la rilevazione è di 50, appena dentro la soglia.E per i troppi veleni nell’aria della Capitale, ieri il Campidoglio aveva reiterato il provvedimento anche per i diesel recentissimi, gli euro 6.  La stop riguarda tutti i veicoli privati alimentati a gasolio che non possono circolare nella cosiddetta “fascia verde” di Roma dalle 7.30 alle 10.30 e dalle 16.30 alle 20.30. Blocco anche per i ciclomotori e i motoveicoli euro 0 ed euro 1 e per gli autoveicoli a benzina euro 2.