LIBRERIA TOMO: SI PARLA DE “LA MOLTIPLICAZIONE DELLE DITA”

TOMOMercoledì 15 gennaio, alle ore 19, presso laTomo Libreria Caffè 4 di via degli Etruschi, presentazione/mostra «La moltiplicazione delle dita» di Corrado Costa (Argolibri). Intervengono Lidia Riviello e i curatori del volume Roberta Bisogno e Andrea Franzoni. Inoltre, potrete ammirare in mostra una selezione dei disegni di Corrado Costa. Il libro: La moltiplicazione delle dita – con una lettera di Fortini e una Lettera Smarrita – raccoglie per la prima volta insieme tutti gli scritti e disegni di Corrado Costa apparsi su «Il Caffè Letterario e Satirico», 11 prose sperimentali e 40 disegni, realizzati con una semplice biro, a rimarcare tutta la sensibilità visiva e il tratto inconfondibile dell’autore. Si ride? In quanto autore continuamente scomparso (anche quando era in vita) questo libro può dirsi e darsi come una vera e impropria smorfia della letteratura. Il libro intende aprire uno scorcio importante su un modo di fare letteratura — quello su rivista — oggi apparentemente scomparso, e su una stagione essenziale della poesia europea: quella delle scritture collettive, quella della Beffa, quella del Gioco delle parti (se il lettore vuol leggere deve giocare) come gioco principale nella società. I livelli di lettura si alzano e si abbassano, e ad accompagnarli, vi sono i disegni dell’autore. Qualora la parola stanchi, la leggibilità di questi buffi personaggi, la sovrapposizione delle loro parti, la loro moltiplicazione saprà indicare al lettore la via da intraprendere. Rivoltando l’arte della parola, l’opera di Corrado Costa è uno dei rari esempi di retorica erotica. L’erudizione, la fine intelligenza e sinuosa libertà di questo autore aprono i meccanismi della letteratura, secondo un moto inverso e circolare: al di là dell’arte, l’arte va all’indietro.