MUSEO ETRUSCO: CONFERENZA DI AMUSE SU CATACOMBE E IPOGEI

catacombe-priscilla[1]Oggi, 27 novembre alle 17, Amuse organizza con Roma2pass una conferenza su catacombe e ipogei che perforano il nostro territorio: una conferenza sarà tenuta da Massimiliano Ghilardi, direttore  associato dell’Istituto Nazionale Studi Romani, nella Sala della Fortuna del Museo Nazionale Etrusco. Il 31 maggio del 1578, poco oltre la porta Salaria del circuito murario aurelianeo, esperti cavatori di pozzolana rinvennero casualmente i resti perfettamente conservati di un antico cimitero ipogeo paleocristiano, allora creduto essere quello intitolato a Santa Priscilla. Questo cimitero andò perduto pochi anni più tardi per una frana verificatasi a seguito delle continue estrazioni di materiale da costruzione e l’interesse per le catacombe si perse. Ma per un piccolo manipolo di esploratori, capitanati da Antonio Bosio, la scoperta del 1578 rappresentò l’incentivo a indagare le vigne delle campagne attorno a Roma per cercare di riportare alla luce le sepolture dei primi martiri delle persecuzioni anticristiane. Pitture, iscrizioni e, soprattutto, resti ossei di presunti martiri guidarono le esplorazioni dei pionieri dell’archeologia cristiana. La durata è di circa 90 minuti. L’evento è aperto a tutti,  fino a esaurimento posti. Non è prevista la prenotazione. La partecipazione alla conferenza è gratuita ma non prevede l’accesso dei partecipanti al Museo e alla Villa. Tale accesso è possibile secondo bigliettazione e gli orari indicati nel  sito web del Museo