TANGENZIALE: I MATERIALI RIMOSSI SARANNO RICICLATI

Tangenziale Est abbattutaAbbattimento della Tangenziale Est in corso: il quadrante intorno a stazione Tiburtina si prepara a cambiare volto. Il cantiere è stato avviato ad inizio agosto, sono seguiti poi analisi dei materiali e carotaggi, le ruspe sono invece arrivate a fine settembre iniziando una demolizione che quella parte della città attendeva da circa vent’anni. Si perché l’idea dell’abbattimento della Tangenziale, in particolare di quei 460 metri di cemento grigio che corrono lungo la stazione Tiburtina, risale al piano di assetto della stazione definito con un accordo di programma del 2000. Da quando in zona Tiburtina sono arrivate le ruspe, ormai due mesi fa, è stato tirato giù circa un quarto del totale da abbattere. Ma che fine faranno le parti abbattute della sopraelevata come cemento, piloni e ferri? “La demolizione della Tangenziale Est è anche un progetto green” Il 100% dei materiali rimossi – ha spiegato la Sindaca di Roma, Virginia Raggi – sarà riciclato completamente e riutilizzato per realizzare asfalto e nuove strade. Oppure messo in commercio, come ad esempio le parti di ferro”. Così intorno a stazione Tiburtina, dove è anche prevista l’installazione di pannelli fonoassorbenti per mitigare il rumore del cantiere, i lavori proseguono “rispettando i tempi prestabiliti”. L’ultima fase prevede la rimozione delle parti rimanenti della Tangenziale Est davanti via di Teodorico e via Lorenzo il Magnifico. Dopo, si passerà alla riqualificazione di gran parte del Piazzale Ovest. Fonte: Romatoday