LA CASA DEL CINEMA RICORDA GEORGE HILTON

George_HiltonNato a Montevideo (Uruguay) il 16 luglio 1934 e scomparso a Roma il 28 luglio 2019, George Hilton esordisce come attore in Argentina nella seconda metà degli anni Cinquanta, alternando la carriera tra cinema, teatro, radio e fotoromanzi. In Italia dal 1963, diviene presto un’icona del cinema popolare come protagonista di film western e thriller, spesso di culto, diretto, tra gli altri, da Lucio Fulci, Enzo G. Castellari, Sergio Martino, Giuliano Carnimeo, Tonino Valerii. L’ecclettismo era la sua caratteristica. Ogni ruolo sembrava il suo: serio, comico, sadico e dell’avventuriero scanzonato. Il tutto era poi contrassegnato dall’eleganza inimitabile del caballero sudamericano. A ricordarlo, lunedì 11 novembre alla Casa del Cinema, amici e professionisti del mondo del cinema, in un incontro-omaggio curato da Carlotta Bolognini in collaborazione con la Cineteca Nazionale e moderato da Graziano Maraffa. Ad anticipare il dibattito, alle ore 16, la proiezione del film Mio caro assassino di Tonino Valerii. A seguire, invece, il cortometraggio di Emanuela Panatta Mi sono… persa. A seguire incontro moderato da Graziano Marraffa con Nino Benvenuti, Olga Bisera, Carlotta Bolognini, Ruggero Deodato, Gabriella Giorgelli, Vassili Karis, Roberto Leoni, Malisa Longo, Antonella Lualdi, Sergio Martino, Saverio Vallone.