IL CONSIGLIERE MUNICIPALE ROLLIN SULL’EMERGENZA RIFIUTI

RIFIUTIScrive il consigliere municipale Andrea Rollin: “Nonostante gli aiuti di regione e  governo, avvenuti in varie forme a partire da luglio , il comune di Roma e Ama non riescono a gestire  il ciclo dei rifiuti .  A Roma è  di nuovo emergenza rifiuti: la città è piena di strade invase dalla spazzatura, cassonetti stracolmi e maleodoranti. Le colpe  di questa situazione sono solo della sindaca Raggi , ora anche assessora ai rifiuti, che non ha trovato un sito adeguato dove conferire i rifiuti romani e non ha saputo portare avanti il piano proposto da Ama e dallo stesso Comune che prevedeva la creazione di centri di trasbordo temporanei e “mobili”. Questi centri non avrebbero sicuramente risolto il problema ma almeno potevano garantire maggiore raccolta dei rifiuti ed evitare l’ennesima emergenza rifiuti. Il municipio purtroppo non ha poteri in materia , ma può segnalare e chiedere intervento dell’Ama per risolvere le situazioni più critiche, anche grazie a un rapporto costruito con i dirigenti Ama che si occupano del Municipio II. Ma siamo in continua criticità… A poco servono i proclami della sindaca agli abitanti a conferire i rifiuti in regola se Ama non riesce a raccogliere i rifiuti giornalmente e se il comune non riesce ad approntare un serio piano dei rifiuti, indicando  una discarica dove conferire i rifiuti  e contemporaneamente  implementando  il sistema di raccolta differenziata di tutte le utenze in modo da limitare la quantità dei rifiuti immessa in discarica. Ad oggi la percentuale di raccolta differenziata a Roma è di poco sopra il 40%, mentre molte città italiane hanno percentuali di raccolta differenziata ben oltre il 50%. Come se non bastasse Ama a fine agosto ha chiuso l’usatissimo centro di raccolta dei rifiuti ingombranti   di via dei Campi Sportivi  per assurdi motivi di sicurezza. Dopo un importante lavoro del Municipio, che mi ha visto protagonista, l’area è stata recentemente riaperta  con un funzionamento ridotto in attesa del completamento dei lavori di messa in sicurezza del centro, si tratta di  rifare semplicemente l’entrata del centro per evitare l’entrata dei rifiuti ingombranti e  dei mezzi Ama che vi sostano all’interno”.