LA RINASCENTE DI PIAZZA FIUME PIANGE ANTONELLA

ANTONELLALa Rinascente di piazza Fiume a Roma piange la scomparsa di Antonella, sconfitta da un brutto male all’età di 46 anni. “Una ragazza solare, sempre con il sorriso sulle labbra” dicono di lei le colleghe ancora sgomente per la terribile notizia. Si, perché Antonella era davvero una ragazza speciale. Aveva scoperto di essere malata tra anni fa dal ritorno da una vacanza con le amiche. Eppure non aveva perso la speranza. Aveva combattuto il nemico invisibile con la stessa determinazione con la quale era riuscita ad ottenere l’abilitazione da avvocato mentre lavorava. Una forza di volontà che sembrava aver avuto la meglio. Il male, infatti, sembrava essere stato sconfitto, poi la recidiva che non le ha dato scampo. La disperazione dei genitori e dei due fratelli non sembrava essere la sua. Fino all’ultimo giorno aveva continuato a rassicurare gli amici e i parenti: “oggi mi sento meglio” amava ripetere a chi le telefonava per sapere come stava. Perché Antonella era cosi: non amava le lacrime e i visi tristi, voleva e regalava positività a chi gli stava accanto. Oggi, secondo week end di saldi, per le commesse della Rinascente non è un giorno come un altro. Continuano a fare il loro lavoro con la stessa professionalità, ma con la morte nel cuore. In loro rimane solo il conforto delle parole di Sant’Agostino: “La morte non è niente, sono solamente passato dall’altra parte”. Fonte: il Messaggero