CHE PREVEDE IL CONTRATTO PER LE PULIZIE DELLE STRADE MUNICIPALI?

IMMONDIZIA A VIA TEVERESe qualcuno volesse chiedersi perché le strade di Roma sono così sporche, dovrebbe andarsi a leggere le 59 pagine dell’allegato alla bozza di contratto di servizio che gli uffici tecnici del Campidoglio e quelli di Ama si rimpallano da settimane in cerca di una difficile mediazione. Nel rifiuti-in-via-pavia-ii-municipiogiorno in cui la giunta capitolina proroga fino al prossimo 31 maggio il vecchio contratto, sognando di siglare il nuovo con il prossimo consiglio di amministrazione, il quotidiano la Repubblica ha potuto visionarne la bozza scoprendo le ragioni che relegano Roma a un destino di  abbandono e di degrado. Il documento contiene l’elenco delle settemila strade che comune e Ama hanno stilato per pianificare la pulizia delle vie e dei marciapiedi. Scorrendo la lista emerge che alcune delle strade e piazze più frequentate dei san lorenzo rifiutiquartieri Prati, Trionfale e Delle Vittorie verranno pulite appena due volte al mese. Tra queste, piazzale degli Eroi, via Boezio, via Trionfale. Due volte al mese saranno liberati dalle cartacce i Lungotevere Sangallo, Vittoria e Testaccio. Molto peggio andrà ai quartieri Trieste e Parioli: piazza Istria sarà pulita una volta ogni due mesi; stesso discorso per piazza Ungheria e viale Libia, una delle arterie commerciali più affollate del II municipio. Anche a largo Ecuador gli addetti dell’Ama faranno capolino appena una volta ogni due mesi, mentre a piazza Fiume il piano prevede la pulizia ogni trenta giorni. Fonte: la Repubblica