NUOVO COMUNICATO DEL COMITATO SALVIAMO VILLA PAOLINA

PIAZZA XXI APRILE VILLA PAOLINAIl Comitato Salviamo Villa Paolina ha inviato ieri un nuovo invito a sospendere tutte le procedure concessorie per Villa Paolina di Mallinckrodt al sindaco di Roma, all’assessorato all’Urbanistica, alla Direzione del Pau e alla Commissione VIII Urbanistica del Comune di Roma, per una serie di motivazioni, di cui alcune sono già state fatte presenti nel corso del 2018 tramite diffide e numerosi esposti, mentre altre sono di recente acquisizione:

Essendo la Villa protetta ai sensi dell’art.10 comma 4 lett.g) del d.lgs.42/2004, il quale tutela “le piazze pubbliche, vie strade e altri spazi aperti urbani di interesse artistico o storico” che hanno più di 70 anni, e non risultando la  presenza della necessaria Verifica dell’Interesse Culturale ai sensi del suddetto articolo, non si può assolutamente procedere in nessuna azione finalizzata al rilascio del permesso di demolire o costruire,
È necessario attendere il completamento dell’iter  per l’inserimento di Villa Paolina nella Carta della Qualità. Infatti la Valutazione positiva, che riconosce il valore storico e artistico di Villa Paolina, è stata completata dalla Sovrintendenza Capitolina e già inviata al Dipartimento PAU fin dal 29/03/2018, ma purtroppo non si hanno notizie della conclusione dell’iter che sembrerebbe essersi fermato da allora nel Dipartimento.
È necessario attendere la riunione congiunta dei Comitati di Settore Tecnico Scientifici del Ministero dei Beni Culturali, che dovranno valutare l’annullamento della Verifica di interesse culturale negativa su Villa Paolina, così come richiesto dal Soprintendente Prosperetti in risposta alla Diffida che Italia Nostra, in accordo con il nostro Comitato, ha inoltrata il 22 ottobre e in cui si  dimostra ampiamente che la Verifica negativa ha un  difetto di motivazione con  evidente contraddittorietà dei pareri oltre a un non corretto uso della discrezionalità tecnica. È infine necessario attendere l’apposizione del Vincolo Paesaggistico sulle zone storiche postunitarie e dei primi del 900, così come è stato stabilito il 30.03.2018 dal Ministero dei Beni Culturali e proposto per il II Municipio dal Soprintendente Properetti nella Conferenza Stampa del 16.01.2019.  I tempi necessari per il completamento del procedimento di apposizione del vincolo sono stati dichiarati in tale sede piuttosto lunghi, necessitando dei tempi di concertazione con Regione e Comune. Pertanto, considerata l’urgenza estrema di tutelare al più presto la storica Villa Paolina di Mallinckrodt e al fine di impedirne l’incombente demolizione e ricostruzione con un edificio moderno completamente decontestualizzato, si invita e diffida l’amministrazione capitolina a sospendere ogni atto concessorio riguardante Villa Paolina e comunque a non concedere alcun titolo abilitativo nelle more della conclusione della procedura di vincolo paesaggistico, oltrechè nelle more della decisione dei comitati di settore dell’annullamento della verifica di interesse culturale negativa e della conclusione dell’iter per l’inserimento di Villa Paolina nella carta della qualità.