MA GLI ANIMALISTI CONTESTANO LO ZOO E LA VITA IN CATTIVITÀ

Installazione-shock di attivisti animalisti travestiti da cacciatori e prede davanti al Bioparco di Roma. Nella ricorrenza di Halloween – con tanto di maschere e zucche – alcuni esponenti degli Animalisti Italiani hanno voluto rappresentare la sofferenza degli animali che finiscono negli zoo: dalla cattura all’agonia della prigionia fino alla morte. L’iniziativa è stata presa per sensibilizzare l’opinione pubblica sulle morti degli animali “in cattività” e sulle sofferenze che patiscono in gabbia: “Negli ultimi quindici giorni – sottolineano gli animalisti – al Bioparco di Roma sono morti un’antilope, uno scimpanzé e un’elefantessa: è ora di dire basta, chiudere tutti gli zoo e liberare gli animali”. Tra gli slogan scanditi dai manifestanti: “Chi cattura un animale è un vero criminale”, “Prigionia è agonia” e “Nello zoo comunale muore sempre un animale”.