BLOCCO VECCHIE MOTO: ALEMANNO FA UN PASSO INDIETRO

Alemanno, sor Tentenna, prima decide in un modo (vedi articolo precedente), poi ci ripensa. Del resto, il blocco alla circolazione delle vecchie due ruote (quelle omologate Euro 1) a Roma era diventato il simbolo dell’accanimento verso le fasce deboli e verso l’anello debole della mobilità. Così, dopo la mobilitazione in forze della Federazione Motociclistica Italiana, di diversi club e, soprattutto di Confindustria Ancma (Associazione Nazionale Ciclo Motociclo e Accessori), il sindaco ci ha ripensato e tutti i ciclomotori e le moto Euro 1 (ma solo se con motore a 4 tempi), potranno continuare a circolare all’interno della Ztl “Anello ferroviario” (una zona enorme) fino al 31 ottobre 2013. Una buona notizia, anche perché secondo l’Ancma questo blocco sarebbe stato del tutto inutile visto che le emissioni inquinanti riconducibili agli Euro 1 non superano il 3% del totale. Per non parlare dei vantaggi in termini di mobilità: secondo un recente studio dell’Università di Leuven, in Belgio, se il 10% degli automobilisti passasse ad un mezzo a due ruote si avrebbe una riduzione del traffico del 40%. Insomma la (tardiva) decisione del Comune mette fine a settimane di polemiche che avevano scatanato un putiferio.