DAL 1° NOVEMBRE AL 31 MARZO, STOP AI VEICOLI PIÙ INQUINANTI

Dal 1° novembre entra in vigore il provvedimento che prevede l’estensione delle categorie di veicoli a più alta emissione di sostanze inquinanti per i quali sono vietati l’ingresso e la circolazione all’interno dell’anello ferroviario. Il blocco effettivo entra pienamente in vigore venerdì 2 novembre in quanto il divieto di circolazione non è valido nei giorni festivi. Questi i veicoli per i quali scatta il divieto di accesso nell’anello ferroviario: autoveicoli a benzina Euro 1, autoveicoli diesel Euro 2, ciclomotori e motoveicoli Euro 1, a 2-3-4 ruote, con motore a 2 e a 4 tempi. Queste categorie si aggiungono a quelle per cui il divieto di accesso era già in vigore: auto a benzina euro 0, diesel euro 0 e 1, ciclomotori e motoveicoli a 2-3-4 ruote a 2 e 4 tempi euro 0, tricicli e quadricicli diesel euro 1. Le categorie che da novembre non possono accedere all’anello ferroviario sono, in effetti, le stesse per le quali scatta il divieto di circolazione nella fascia verde quando si superano i limiti di inquinamento stabiliti. Il divieto è valido dal lunedì al venerdì, con l’esclusione dei giorni festivi infrasettimanali. Per questo entra effettivamente in vigore dal 2 e non dal 1° novembre. Oltre a quelle per le categorie già normalmente esentate (portatori di handicap, veicoli di polizia, mezzi d’emergenza) sono state stabilite specifiche deroghe per i ciclomotori e i motocicli a 2 ruote, 4 tempi, Euro 1. I possessori di questi mezzi che risiedono all’interno dell’anello ferroviario avranno un anno di tempo per adeguarsi, ovvero potranno circolare in deroga fino al 1 novembre 2013. Per i possessori degli stessi mezzi non residenti, il divieto di circolazione scatta il 1° novembre e terminerà il 31 marzo 2013, restando in vigore in corrispondenza con il periodo più critico per l’inquinamento ambientale.