I CONCERTI ESTIVI DELLA FILARMONICA ROMANA

FILARMONICA ROMANAL’Accademia Filarmonica Romana di via Flaminia offre nuovamente alla città i suoi Giardini, inaugurando il Festival estivo – il 25 giugno – con una conferenza-concerto del musicologo Giovanni Bietti, che presenta – con la preziosa presenza di Piero Angela – Lo spartito del mondo, indagine e riflessione sulla capacità della musica di far dialogare tra loro epoche e culture diverse. Subito dopo Prestissimo, una piccola rassegna che per tre giorni vedrà protagonisti alcuni valenti giovani musicisti, in collaborazione con Arte 2o: la loro presenza sarà ogni sera lo spunto per un confronto intergenerazionale sulle relazioni tra musica e realtà di oggi, con la partecipazione di Michele dall’Ongaro, Roberto Giuliani, Nicola Sani, Alessandro Carbonare, Gian Marco Ciampa e Francesco Antonioni. Il programma prosegue con i ventiquattro appuntamenti di Opus, che si apre il 2 luglio con l’omaggio di Marcello Panni, Imago Sonora Ensemble e alcuni giovani chitarristi del Conservatorio di S. Cecilia all’opera di Francesco Pennisi (1934-2000) e si conclude il 14 luglio con le musiche di Germano Mazzocchetti eseguite dall’autore con il suo ensemble. Nelle due settimane del festival la Sala degli Affreschi, la Sala Casella e i Giardini ospitano ogni sera i generi musicali più diversi in un immaginario viaggio intorno al mondo, per il quale l’Accademia si avvale quest’anno della collaborazione dei presidi diplomatici e culturali di India, Austria, Malta, Corea, Repubblica Slovacca, Spagna e Giappone. Un omaggio al fado portoghese, un originale programma dedicato al pianoforte mediterraneo e una serata di musica persiana (promossa dall’Associazione Donne per la Dignità) completano l’offerta musicale di Opus, che colora di mille suoni la luce luminosa dell’estate romana.