MAXXI, SI DISCUTE DI “A MANO DISARMATA” CON FEDERICA ANGELI

A mano disarmataAppuntamento  giovedì 31 maggio alle 18.30 all’Auditorium del Maxxi  con  Federica Angeli, per la presentazione del suo libro A mano disarmata – Cronaca di millesettecento giorni sotto scorta, edito da Baldini+Castoldi. Insieme all’autrice interverranno  Giovanna Melandri, presidente della Fondazione Maxxi, il direttore de la Repubblica  Mario Calabresi  e il magistrato  Alfonso Sabella. Cronista di nera per le pagine romane de la Repubblica, Federica Angeli vive dal 2013 sotto scorta in seguito alle minacce mafiose ricevute mentre svolgeva un’inchiesta sulla criminalità organizzata a Ostia, dove è nata e cresciuta. Eppure, nessuna intimidazione fa vacillare la sua fede in un “noi” con cui condividere la lotta per la legalità. La storia giudiziaria di cui è protagonista fino alle più recenti sentenze ci parla di una possibile seppur faticosa vittoria. Vittoria ottenuta con l’unica arma che possiede, la penna, e che testimonia come tutti insieme possiamo alzare la testa e cambiare in meglio. In A mano disarmata, l’autrice racconta le tappe di una vera e propria sfida alla malavita, nel solco di un giornalismo nobile, illuminato di etica civile, che non compiace mai null’altro che la verità, con una coerenza a tratti severa. In un susseguirsi di colpi di scena, viviamo con lei le sue paure, la disperazione e i momenti di solitudine. Nella sua testimonianza puntuale, incalzante, senza respiro, non dimentica mai la sua dimensione di donna, di madre e di moglie contesa alla serenità famigliare. Una serenità che, ispirata da  La vita è bella  di Benigni, Federica Angeli riesce magicamente a preservare, coinvolgendo i figli in un “gioco alla guerra”. Federica Angeli, nata a Roma nel 1975, cronista di nera e giudiziaria, dal 1998 scrive per La Repubblica, dove è redattrice dal 2005. Tra i premi vinti, il Premio Passetti – Cronista dell’Anno nel 2012 e 2013, il Premio Donna dell’Anno (2015), assegnato dal sindaco di Roma, il Premio Articolo 21 (2015), il Premio Francese (2015), il Premio Piersanti Mattarella (2016), il Premio Arrigo Benedetti (2017), il Premio Falcone e Borsellino (2016) e il Premio Nazionale Borsellino (2017). Per il suo impegno nella lotta alle mafie il presidente Mattarella nel 2016 l’ha nominata Ufficiale della Repubblica Italiana al Merito. Ha pubblicato con Emilio Radice  Cocaparty(2008) e Rose al veleno, stalking  (2009), è coautrice di Io non taccio (2015) e autrice di  Il mondo di sotto. Cronache della Roma criminale  (2016).