PASSEGGIATA FILOSOFICA A VIA PADOVA

13-OTTOBRE-z2Il significato filosofico della passeggiata è da sempre intrinsecamente connesso con il momento della meditazione, tanto di alto profilo, quanto quotidiana. Per non dire poi del fatto che, nella scuola peripatetica, essa si traduce nel modo stesso in cui è articolata la lezione, nel rapporto che si dà fra docente che guida e discenti che lo seguono. E, anche in questo caso, ad aprire i giochi è stato Platone. In lui troviamo, infatti, il primo esempio di passeggiata come forma di meditazione, nel senso che essa fa da cornice a uno dei suoi dialoghi più belli. La ricognizione poi prosegue prendendo in considerazione altri esempi di passeggiata come “esercizio spirituale” quotidiano e forma di meditazione, relativi a un altro filosofo: J.- J. Rousseau e a due scrittori: H. D. Thoreau e R. Walser.