QUEL LIBRO DI GIUSY COLMO CHE PARLA DI FIDEL

copdi Francesco Casale

È da poco in libreria il libro scritto da Giusy Colmo ed edito da Castelvecchi “Il principe che spostava le colline”, la ricostruzione della vita avventurosa, piena di passioni e slanci visionari di Antonello Ruffo di Calabria. Nel 1974, in piena espansione industriale, crea nella sua tenuta  nel Lazio, la Selva di Paliano, Il primo parco ornitologico italiano. “Il primo gruppo di fenicotteri rosa che arriva alla Selva – si legge nel libro-  non è stato scelto su un anonimo catalogo di un commerciante di uccelli esotici. Provengono direttamente da Cuba, come regalo  di Fidel Castro ad Antonello, al suo Parco Uccelli e a tutta la comunità di Paliano. Sono di un bel rosa carico e vederli sul laghetto della Selva è un colpo d’occhio che attira folle curiose di visitatori”. Un regalo personale, frutto dell’intenso legame che univa Antonello a Cuba, non per ragioni ideologiche ma perché sempre animato da una insaziabile curiosità. In tutta la sua vita si recherà a Cuba innumerevoli volte. I fenicotteri rosa arrivano via Madrid e perché non si deturpino il piumaggio vengono ricoperti con calze da donna.quel Antonello Ruffo ricambierà la cortesia ospitando per un lungo periodo il ministro cubano Hart, Abelardo Moreno direttore dello zoo dell’Avana ed inviando via mare degli asinelli sardi, caricati su una nave da guerra ormeggiata nel porto di Napoli. Giusy Colmo è responsabile ufficio stampa e comunicazione dell’Auser, l’associazione di solidarietà per gli anziani, sita in via Nizza.