BUS A FUOCO IN TANGENZIALE, ALL’ALTEZZA DI VIA SALARIA

il-busBrucia un altro autobus in corsa, il secondo in cinque giorni, il quinto in quattro mesi da giugno scorso. Amplificando la paura dei passeggeri che si muovono con i mezzi pubblici. Per fortuna anche stavolta non si sono registrati feriti. Ma solo grazie alla tempestività dell’autista che avendo sentito il fumo ha fermato il mezzo facendo scendere tutti. L’ennesimo incidente è avvenuto ieri mattina, intorno alle 8, sulla Tangenziale Est, nei pressi dell’immissione della via Salaria in direzione Stadio Olimpico. Il mezzo è andato completamente distrutto, carbonizzato dal rogo. A quanto si è appreso, si tratta di una vettura della linea cimiteriale Atac C2 che collega la stazione Termini al cimitero di Prima Porta. Le fiamme sarebbero scaturite da un corto circuito al motore. Poi del fumo avrebbe invaso l’abitacolo. Quindi il conducente avrebbe accostato, facendo scendere i passeggeri. Nessuna persona sarebbe rimasta ferita o intossicata. Le verifiche chiariranno le cause. Il nuovo caso riaccende le polemiche sullo stato del parco mezzi Atac. Solo pochi giorni fa, la sera del 20 settembre, un incendio era divampato su un altro autobus, vecchio di circa dodici anni, in servizio sulla linea 80 in via Virginio Talli. L’incendio si era concluso senza alcuna conseguenza per i due passeggeri a bordo né per il personale. Ma a dare il via alla serie dei roghi quest’anno era toccato alla linea 495 il primo giugno. Il bus è bruciatocompletamente mentre si stava dirigendo verso piazza Fiume. Distrutto in pochi minuti, le immagini aveva fatto il giro d’Italia. Il 3 luglio invece il rogo era divampate sul mezzo che stava attraversando il Lungotevere in Sassia. I testimoni aveva parlato di due esplosioni. Lo stesso mese, il giorno 22, un altro rogo sul bus sulla Tangenziale Est, alle 11 di mattina, all’altezza di via dei Monti Tiburtini. Gli ultimi due in questo mese di settembre. Fonte: il Tempo