IL DEGRADO DELLA PISTA CICLABILE PONTE MILVIO/CASTEL GIUBILEO

PISTA 2Lo scorso aprile la candidata a sindaco di Roma, Virginia Raggi, passò una domenica della campagna elettorale in bicicletta, sorridente tra cittadini comuni e militanti grillini, anche loro sulle due ruote. Obiettivo della lodevole iniziativa fu mostrare ai romani quanto lei amasse la bicicletta e convincere tutti che l’attenzione ai ciclisti sarebbe stato un punto di forza della sua amministrazione. Dal 22 giugno Raggi è la sindaca della Capitale d’Italia. Forse è presto per giudicarla, né si può attribuire a lei più che ai predecessori la responsabilità della situazione. Ma non è presto per invitarla a provvedere affinché il degrado cui è giunta una delle piste ciclabili più frequentate di Roma, la Ponte Milvio-Castel Giubileo, sia cancellato. Il prima possibile. Le immagini parlano da sole.La LA PISTA CICLABILEpista, circa 11 chilometri, è ai limiti dell’impraticabilità, nonostante sportivi e famiglie con bambini cerchino ostinatamente di percorrerla. Il Comune evidentemente non fa manutenzione da tempo immemorabile. La vegetazione ai bordi è cresciuta fino a diventare in molti tratti una foresta che invade la pista fino a ostruirla. I ciclisti devono fare lo slalom tra le piante e l’erbaccia oppure dovrebbero portarsi da casa il machete. Alcuni, evidentemente, hanno pensato a un’altra soluzione e hanno appiccato il fuoco ai lati della ciclabile, peggiorando la situazione e ammorbando l’aria che respirano i malcapitati ciclisti. Lungo la pista e ai bordi c’è più di una discarica a cielo aperto. La spazzatura non viene raccolta da chissà quanto. Ci sono lungo il percorso diverse panchine dove il ciclista stanco, se vuole, potrebbe riposarsi, ma come si vede sono inghiottite dai rovi. Su nessuna di esse ci si può sedere. Qualche raro secchio per l’immondizia è stracolmo e i rifiuti invadono lo spazio circostante. Molte crepe spaccano l’asfalto della pista e bisogna stare attenti a non finirci dentro, soprattutto se si pedala su una bici da corsa. Se la sindaca non ci crede, la prossima domenica percorra la Ponte Milvio-Castel Giubileo. Le verrà da piangere. Fonte: Corriere della Sera