LE COLLEZIONI DI CONCHIGLIE DEL MUSEO DI ZOOLOGIA

Le collezioni di conchiglie del Museo Civico di Zoologia comprendono circa 2 milioni di esemplari e oltre 400 tipi. I reperti provengono in parte dal Museo Zoologico della Regia Università di Roma, in parte da successivi acquisti e donazioni. Predominano le conchiglie marine mediterranee, ma non mancano lotti marini e continentali provenienti da varie aree del mondo. Lo stato di conservazione del materiale è variabile. La collezione Tommaso Di 10-Fossili1 Cresti_940_350Maria (Palermo, 27 Giugno 1841 – ibidem, 1° Marzo 1927), marchese di Monterosato, è da annoverare tra le più importanti raccolte storiche di conchiglie marine mediterranee in istituzioni pubbliche italiane ed estere, collezione di riferimento soprattutto per gli studiosi che si occupano di malacologia sistematica. Fu acquisita dal Museo nel 1942 dopo una lunga trattativa con l’allora proprietario Vito Beltrani. La collezione frutto di oltre sessant’anni di ricerche, molteplici scambi e acquisti avvenuti tra la seconda metà del 15-Ocinebrina Russo_940_3501800 e gli anni venti del secolo scorso, conserva al suo interno gran parte delle specie di molluschi marini presenti nel mediterraneo, una buona rappresentanza di specie terrestri e molti esemplari fossili provenienti principalmente da giacimenti fossiliferi siciliani. Oggi la collezione stimata in oltre 1.500.000 esemplari è ancora conservata nelle vecchie cassettiere di legno che al loro interno contengono gli esemplari nelle fialette di vetro originali.