FILARMONICA ROMANA: MUSICHE RUMENE E OMAGGIO A SHAKESPEARE

cernatAnche stasera duplice concerto alla Filarmonica Romana di via Flaminia. Fra le maggiori rappresentanti della scuola violinistica rumena, allieva di Stefan Gheorghiu e del leggendario Tibor Varga, Clara Cernat è una delle più brillanti musiciste del suo paese. Con il pianista francese Thierry Huillet forma un duo affiatato nella musica e nella vita, ospite di prestigiose istituzioni musicali europee, in Asia e nelle Americhe. Il concerto (ore 20), dedicato alla tradizione musicale rumena, comprenderà alcune pagine di una delle figure più prestigiose della musica di questa terra, George Enescu, autore di composta ma intensa classicità. Il suo stile luminoso ben si collega alla musica brillante di Saint-Saëns, Paganini, Berlioz e di un insolito Vittorio Monti, compositore italiano di fine ‘800, autore di questa fortunatissima Czardas. A quattrocento anni della scomparsa di Shakespeare, ecco l’inevitabile omaggio al grande poeta inglese: Shakespeare in Note è una finestra del tempo aperta su un ideale spazio fisico, nella sua casa, nella sua stanza, davanti al suo scrittoio, mentre crea, rilegge, medita i suoi scritti e concede alle parole di evocare la musica, e alla musica di permeare i suoi testi. Versi e suoni sembrano danzare, e si alternano in un gioco di primo piano e prospettiva, pur nella compresenza scenica. Nel concerto (ore 21:45) si susseguono quattro sezioni, dedicate ciascuna ad uno degli “oggetti” fondanti nella poetica del Bardo: Vita, Amore, Morte e Poesia. Mediante estratti da testi quali Dodicesima Notte, Romeo e Giulietta, Amleto, Come vi piace, Sogno di una notte di mezz’estate e i sonetti, si attraverseranno questi temi chiave dell’esistenza umana. E sarà la musica del tempo a dare risonanza ed enfasi a questi concetti.