PRESO A STAZIONE TIBURTINA: AVEVA TENTATO UN OMICIDIO

STAZIONE TIBURTINAEra ricercato da qualche giorno dopo che aveva tentato di uccidere un suo connazionale cospargendolo di benzina, dandosi poi alla fuga. Ma è stato arrestato il giorno di Natale alla stazione Tiburtina di Roma perché ha insospettito i poliziotti. Il comportamento dell’uomo – un trentenne marocchino con diversi precedenti di polizia – ha richiamato l’attenzione della polizia ferroviaria di Roma Tiburtina in azione insieme con i militari dell’esercito. Il ricercato aveva cambiato improvvisamente direzione e così è stato raggiunto e controllato. Non avendo i documenti, agli agenti e ai militari l’uomo ha dichiarato di essere incensurato. Poi è stata appurata la sua reale identità e che era destinatario di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, da poco emessa dal giudice per le indagini preliminari di Avezzano. Lo straniero infatti è accusato di diversi reati commessi nei confronti di un connazionale, tra cui quello di tentato omicidio, per aver provato ad ucciderlo dopo averlo cosparso di benzina. All’arresto hanno collaborato i carabinieri di Avezzano che hanno condotto le indagini.