MUNICIPIO: RIMPASTI, DIMISSIONI, MANOVRE E SCONTRI DI POTERE

municipioII_parlamentino_via_dire_adua-620x310di Alessandro Ricci

Da mesi sono in corso manovre all’interno del Pd per un rimpasto di giunta. L’arrivo del commissario Orfini non è servito a nulla. Se un cittadino mi domanda perché non si tappa una certa buca o non si spazza una determinata zona gli rispondo che è in corso un confronto (chiamiamolo così) tra zingarettiani e orfiniani. Quello mi guarda come se fossi scemo ma sto solo dicendo la verità. Tutto fermo, non solo per il blocco degli appalti in conseguenza di mafia capitale, ma anche perché nel Pd devono trovare un nuovo equilibrio (scannarsi a sangue). Un grande signore, un militante di altri tempi ha seguito l’antica strada della disciplina di partito: l’assessore ai servizi sociali Guido Laj si è dimesso per lasciare posto agli arrembanti. Ora che un’importante casella si è liberata speriamo che i grandi politici del quartiere trovino nuovi equilibri tanto da riuscire a tappare qualche buca e a ridipingere un po’ di strisce. Superfluo dire che l’assessore uscente era il più onesto, pulito e preparato tra gli assessori della giunta.