CHIESTO IL RINVIO A GIUDIZIO PER IL FOTOGRAFO DI VIA LIVORNO

La procura di Roma ha chiesto il rinvio a giudizio per Furio Fusco, titolare di una agenzia di modelle di via Livorno, finito in carcere nello scorso luglio perché accusato di adescamento di minori, pornografia minorile e di atti sessuali. Il fotografo, secondo l’accusa, adescava le minori con la promessa di un futuro da modella. La decisione del gup potrebbe arrivare il prossimo 4 giugno. Le ragazze vittime dei ragazze vittime dei presunti abusi del fotografo, all’epoca dei fatti minorenni, ascoltate in incidente probatorio, hanno raccontato di essere state indotte a spogliarsi, a produrre materiale pedopornografico e a compiere atti sessuali.