DOMANI SCIOPERO TRASPORTO PUBBLICO, CAOS IN VISTA

Mercoledì 1 ottobre potrebbe essere una giornata molto difficile per chi decide di muoversi con il trasporto pubblico. I sindacati di categoria hanno indetto un’agitazione di 24 ore che coinvolgerà tutta la rete del tpl romano: gli autobus dell’Atac, le linee della metropolitana, le ferrovie Roma-Lido, Termini-Giardinetti e Roma-Civita Castellana-Viterbo, i bus periferici gestiti da Roma Tpl. Come sempre accade nel caso di agitazioni lunghe, ossia che coprono l’intero arco della giornata, la normativa sugli scioperi prevede le cosiddette fasce di garanzia, da inizio turno alle 8.30 e dalle 17 alle 20. Il servizio sarà quindi a rischio dalle 8.30 alle 17 e dalle 20 a fine giornata. Nella notte tramartedì e mercoledi, infine, possibili stop per i bus notturni, le 27 linee ‘N’. Anche Cotral ha reso noto che “la segreteria dell’Ugl, per tutti gli impianti della Cotral, ha indetto per il giorno 1 ottobre uno sciopero dalle 11.30 alle 15.30. Tutti i servizi automobilistici extraurbani resteranno fermi dalle 11.30 alle 15.30. Le vetture provenienti dai vari capolinea, una volta giunti a destinazione, qualora dovessero effettuare altre cose nell’orario di sciopero, 11.30-15.30, rientreranno fuori servizio nel deposito di appartenenza, compresi i turni a nastro con sosta libera nell’arco dell’orario di sciopero. Il personale di movimento, quindi, si asterrà dalle prestazioni lavorative dalle 11.30 nalle 15.30 con rientro delle autovetture nel deposito di appartenenza”. “I lavoratori dei servizi interni (operai e impiegati) – ha spiegato ancora – sospenderanno il lavoro per 3 ore fine turno. Gli addetti alle manovre nel deposito entreranno in sciopero al rientro dell’ultima vettura scioperante. Per tutti i lavoratori degli uffici, degli impianti fissi, per il personale della trazione a turno fisso e per tutto il personale non indicato, lo sciopero avverrà per 3 ore fine turno. Sono esclusi dallo sciopero portieri, guardiani, addetti ai centralini telefonici”.