LA CASA DEL SOLE DI VIA DELLA LEGA LOMBARDA, ECCO LA STORIA

Su via della Lega Lombarda, al civico 41-43, si trova la cosiddetta Casa del Sole, costruita tra il 1929 ed il 1930 da Innocenzo Sabbatini, illustre esponente dell’architettura del 1900 a Roma. La Casa occupa un lotto triangolare ed è contraddistinta da un grande volume a gradoni che decresce verso Sud, passando da 7 a 2 piani in modo tale da rendere possibile, le illuminazioni della piccola corte interna . E’ questo il motivo per cui l’edificio venne chiamato Casa del Sole, al quale l’astro sembra andare incontro per voler catturare le ore in cui i suoi raggi sono più caldi. L’intero complesso ospita 89 alloggi, composti da due o tre stanze ai quali si accede tramite sei percorsi verticali, che distribuiscono ognuno tre appartamenti. Nell’edificio si ritrovano diversi elementi dell’architettura romana, come per esempio la partitura orizzontale delle facciate, che si legano nello stesso tempo ad una forte tensione espressiva che rimanda ad importanti connotazioni dell’architettura pre-razionalista del Novecento. Durante i bombardamenti del 19 luglio 1943 parte dell’edificio fu distrutta e successivamente ricostruita.