AUDITORIUM: LO STILE DEL “DUCA” NEL CONCERTO DI STASERA

L’eredità musicale lasciata da Duke Ellington è passata nelle mani di intere generazioni per oltre 88 anni, da quando, negli anni ’20, ha fondato l’Orchestra che ha preso il suo nome. Un tesoro artistico passato attraverso il figlio Mercer, anche lui compositore, fino al nipote e produttore cinematografico Paul. Con la clausola, imposta da Mercer, che a dirigere l’Orchestra dal 2010 fosse Tommy James, pianista di quella big band e in organico fin dal 1987. Oggi questi 18 elementi celebrano in un tour mondiale, iniziato a marzo, i 40 anni della scomparsa del grande maestro e leggendario fondatore. E questa sera l’Auditorium Parco della Musica assisterà ad un evento eccezionale, realizzato proprio in occasione della “giornata mondiale del jazz” promossa dall’Unesco. Con la Duke Ellington Orchestra potremo ripercorrere il sound originale, quello della “swing era”, un’eredità così preziosa che è stata supervisionata dalla famiglia del grande jazzista sin dagli inizi, affidando ai componenti di questa potente ed autorevole band il segreto della musica del “Duca”. Di lui ascolteremo quel repertorio sconfinato, fatto di brani che Tommy James, sotto la sua direzione, farà eseguire in una selezione che passerà anche per gli storici hit, essenza dello stile di Duke Ellington.