ARRESTATO PER DROGA IL RAPPER GEMITAIZ IN VIA TIGRÈ

Lo hanno fermato durante un semplice controllo al quartiere Africano. Nelle tasche i carabinieri gli hanno trovato ketamina, hashish e marijuana. Una scoperta che ha messo nei guai Davide De Luca, noto sulla scena rap italiana con il nome di ‘Gemitaiz’. Il 24enne romano di Serpentara è stato posto in stato di fermo dai militari del Nucleo Radiomobile e della Compagnia Parioli in via Tigrè. La notizia dell’arresto resa nota da Repubblica.it. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri, “Gemitaiz” è stato tradito dal nervosismo durante il controllo dei carabinieri, avvenuto la sera del 29 gennaio nel quartiere del II Municipio Parioli. Indosso a De Luca i Militari hanno infatti rinvenuto la droga estendendo i controlli nell’abitazione del rapper capitolino. Qui è stata rinvenuta altra sostanza stupefacente, un bilancino di precisione e altro materiale ritenuto dagli inquirenti utile al confezionamento della ‘merce’. Il giovane si è giustificato affermando di usare la droga per uso personale. Di diverso avviso la Procura di Roma che ha ristretto il 24enne di Serpentara agli arresti domiciliari con le accuse di “Detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti”, in attesa della prima sentenza davanti al giudice. Gemitaiz, al secolo, Davide De Luca, è un rapper romano di 25 anni. Originario del quartiere Serpentara, è attivo sulla scena della Capitale dai primi del 2000. Conosciuto principalmente nella scena underground romana, ha iniziato ad avere una buona visibilità nel 2005, dopo l’incontro artistico con CaneSecco che lo ha reso parte dell’Xtreme Team, un collettivo che tra il 2007 e il 2009 ha pubblicato tre street album chiamati “Affare Romano” con altri rapper capitolini. Successivamente Gemitaiz ha prodotto altri due album con il rapper e amico MadMan: il primo intitolato “Haterproof”, con cui i due si sono imposti all’attenzione del pubblico al quale è seguito “Detto Fatto”.