AUDITORIUM, CONCERTO IN RICORDO DI SYLVANO BUSSOLOTTI

Dopo i concerti alla Biennale di Venezia, il Pmce Parco della Musica Contemporanea Ensemble torna a esibirsi stasera al Romaeuropa Festival all’Auditorium Parco della Musica (Teatro studio Borgna) per un evento realizzato in collaborazione con la Fondazione Musica per Roma. In programma un omaggio al grande compositore e interprete, pittore, letterato, scenografo, regista, costumista e attore Sylvano Bussotti, recentemente scomparso alla soglia dei novanta anni che avrebbe compiuto il prossimo ottobre. Artista totale, Bussotti ha segnato l’evoluzione culturale del secondo Novecento, con opere che sono state punto di riferimento della musica d’avanguardia e non solo. La sua opera ricchissima è densa di scambi e rimandi interni, nutrita da un inesausto autobiografismo e di una continua ricerca di variegate e differenti forme espressive. Bussotti concepiva la sua produzione artisticacome una sorta di unicum, un solo grande lavoro multi-sfaccettato, nel quale al suono si potevano alternare la danza, il teatro, l’opera lirica: così le partiture di due Five Piano Pieces for David Tudor (1959) saranno riproposte per i siparietti del balletto Oggetto amato (1975), mentre le pianistiche Novelletta (1973) e Brillante (1975) avranno una rielaborazione per il palco, e la gestualità dei Tableaux vivants per due pianoforti (1964) è stata anticamera de La passion selon Sade (1965), una delle sue vette compositive. L’ensemble diretto da Tonino Battista, eseguirà alcune delle sue più̀ celebri composizioni da camera: Rondo’ Di Scena (1978) Brutto Ignudo (1980) Solfeggio in re della regina (1989 )Novelletta (1973) Bachiana Di Bachiane (1945 / 1992) Nudo Disteso (1980), Deborah Parker (1988) Solo (1967) per 7 esecutori – da La Passion selon Sade