VIA OMERO: ALL’ACADEMIA BELGICA SI PARLA DI “NOIR & BLANC”

102035_Noir&Blanc_SAB1_coverAll’Academia Belgica di via Omero, il 28 settembre alle ore 18, presentazione di “Noir & Blanc, La gravure belge et néerlandaise en Italie au début du XXe siècle; L’incisione belga e neerlandese nell’Italia del primo Novecento”, G. Marini et L. Fanti (eds), pubblicato da Peeters Publishers. Questo volume è il primo numero della collezione accademica, Studia Academiae Belgicae. La presentazione sarà seguita da una discussione con Alessandra Tiddia (curatrice presso Mart – Museo di Arte Contemporanea di Trento e Rovereto) e Herwig Todts (curator Royal Museum of Fine Arts Antwerp). Se il ruolo svolto dalle stampe nella definizione di una comune cultura figurativa europea attira un’attenzione crescente, il contributo dell’incisione belga e neerlandese al risveglio d’interesse per le “arti del Bianco e Nero” all’inizio del Novecento era un campo ancora trascurato dalla storiografia. Il volume raccoglie gli atti di un convegno internazionale svoltosi a Roma nell’ottobre 2018 all’Academia Belgica e al Koninklijk Nederlands Instituut. Vi si studia l’attività di incisori belgi e neerlandesi con riferimento all’Italia e alla cultura figurativa italiana — da Félicien Rops a Charles Doudelet, da Jan Toorop a Frank Brangwyn e Maurits Cornelis Escher — e si esamina il loro contributo al dialogo interculturale. A causa delle restrizioni per il Corona virus, questo evento è su prenotazione. Sarà ammesso un numero limitato di partecipanti e l’ingresso sarà subordinato all’esibizione della Certificazione verde Covid-19 (Green Pass – EU Digital Covid Certificate). All’interno obbligo di indossare la mascherina e distanziamento interpersonale di almeno 1 metro. Le sale hanno una capienza contingentata nel rispetto della distanza fisica prevista per la sicurezza dei visitatori. Per prenotare si prega di contattare: info@academiabelgica.it