PARCO NEMORENSE, RESTYLING SOLO A METÀ

PARCO NEMORENSEParco Nemorense, un po’ sì un po’ no. L’area verde del quartiere Trieste-Salario è stata in parte riqualificata negli scorsi mesi, ma il lavoro non è ancora finito. L’iter è iniziato nel 2019 con un profondo restyling interrotto dallo scoppio della pandemia. Nel  2020 una prima apertura ai residenti – con la presenza della sindaca Raggi – poi un’altra chiusura sino al 16 febbraio di quest’anno. Questioni burocratiche, divisioni di competenze e Coronavirus hanno portato a mesi travagliati e a pagarne le conseguenze sono stati i cittadini che frequentano il parco. Ma qual è la situazione attuale? È sufficiente fare un rapido giro per saperlo. Un fugace sguardo può far pensare che tutto sia nella norma: viali e panchine puliti, foglie raccolte, cestini svuotati. Il tutto merito anche del ‘Caffé Nemorense’, detentore del bando. Tuttavia, alcune zone della villa lasciano ancora perplessi, a cominciare dal laghetto. Acqua stagnante, sporcizia, una piccola palude. L’allarme arriva forte dai social. La cura e la manutenzione del laghetto è competenza del Comune. Andrea Rollin, consigliere del Municipio, conferma: “I lavori di riqualificazione del parco non sono stati fatti a regolare d’arte“.