FESTIVAL “ARTESCIENZA” TRA AUDITORIUM E GOETHE-INSTITUT

Immagine guida con date__logo ER 2021_1200x627Riprende la 29esima edizione di Artescienza, Festival di arte scienza e cultura contemporanea che, dopo gli appuntamenti estivi, proseguirà presso il Goethe-Institut di Roma dal 17 al 30 settembre e presso l’Auditorium Parco della Musica con un appuntamento finale il 22 Codici-a-Trattinovembre. ArteScienza 2021 – “Forme Traslate” approfondisce il tema del rapporto tra “movimento” e “stasi”, tra “realtà” e “virtualità”, della necessità di tornare al reale – inteso come interdipendenza, come interconnessione reale e tangibile (Baumann) – e del concetto di spiritualità come livello più elevato di ogni linea evolutiva tramite approfondimenti teorici, Incontri e Colloqui con personalità della cultura 17-30_sett_CODICI_A_TRATTI_part4@PACcontemporanea. In questo contesto, tra gli appuntamenti più importanti, ricordiamo che venerdì 17 settembre alle ore 19:30 verrà inaugurata l’opera scultoreo-musicale Codici a tratti ver. 1, del compositore Michelangelo Lupone e della scultrice Licia Galizia, un lavoro adattivo che permetterà al pubblico di Codici-a-Tratti_part5_fotoPAC (1)interagire modulando il proprio andamento musicale. In apertura un dialogo con la violista Carlotta Libonati nella performance interattiva Vivo e virtuale in forma di dialogo farà sì che l’opera metta in relazione la musica strumentale con quella virtuale. Giovedì 23 settembre alle ore 17, presso l’Auditorium del Goethe-Institut, si terrà il Colloquio Arte e Spiritualità. Maria Giovanna Musso, docente di “Sociologia del Mutamento, dell’Arte e della Creatività” alla Sapienza di Roma, dialogherà con Enzo Bianchi, fondatore della comunità monastica di Bose, sul tema della “spiritualità” come livello più elevato di ogni linea evolutiva e dell’”arte” come motore per il progresso umano.