SAN LORENZO: HA COMPIUTO 10 ANNI LA VICENDA DEL CINEMA PALAZZO

san lorenzo cinema palazzoEra il 15 aprile del 2011, quando il quartiere di San Lorenzo decise un’azione simbolica per impedire l’apertura di un casinò in piazza dei Sanniti nella sede del Cinema Palazzo. Tre giorni di protesta: residenti, artisti, studenti, attivisti degli spazi sociali e delle associazioni decisero di entrare nello stabile per bloccare il progetto di destinarlo a una sala slot. Ebbene, quei tre giorni sono diventati dieci anni, nel corso dei quali il Nuovo Cinema Palazzo si è trasformato un luogo essenziale per il quartiere e per la città: centro culturale e spazio di aggregazione, polo teatrale e agorà politica.  Questo anniversario sarà ricordato oggi dalle ore 16, proprio in piazza dei Sanniti, nel corso di un presidio e di un’assemblea pubblica. “Ma la ricorrenza dei dieci anni di occupazione – sottolineano gli attivisti del Nuovo Cinema Palazzo – che avrebbe dovuto essere un’occasione di celebrazione e di festa, si trasformerà inevitabilmente in una ricorrenza di riflessione collettiva, di lotta e di rabbia”. Il futuro del Nuovo Cinema Palazzo è infatti estremanente incerto. Più che mai dopo lo sgombero del 25 novembre dello scorso anno. “Le istituzioni che hanno manifestato interesse a restituire lo spazio al suo uso sociale e comunitario, a tutt’oggi, non hanno prodotto soluzioni”, denunciano i sostenitori del centro culturale di piazza dei Sanniti. La serranda abbassata e murata nella piazza di San Lorenzo costituisce un problema irrisolto non solo per il quartiere ma anche per un foltissimo numero di attori, registi, musicisti, scrittori e artisti. Per la sopravvivenza del Nuovo Cinema Palazzo si sono spesi, tra gli altri, Elio Germano e Vinicio Marchioni, Valerio Mastandrea e Ascanio Celestini, Antonio Rezza e Sabina Guzzanti (tra i 12 imputati dell’occupazione, recentemente assolti), da Erri De Luca a Giancarlo De Cataldo, da Zero Calcare a Giovanni Sollima. Durante questi dieci anni, in questo “luogo del possibile”, sono stati moltissimi gli spettacoli, i concerti e le proiezioni, i laboratori per i bambini e le assemblee dei cittadini, i dibattiti e i seminari organizzati con università e istituzioni culturali della città. “Fino ad arrivare agli ultimi mesi, travolti dalla pandemia – ricordano con orgoglio un gruppo di storici abitanti di San Lorenzo – quando a prevalere è stato il carattere solidale delle realtà che da sempre hanno animato il Nuovo Cinema Palazzo: la sede di piazza dei Sanniti è divenuto uno dei luoghi di raccolta dei pacchi alimentari per le famiglie rimaste senza reddito”. In questa situazione difficile rimangono tuttavie aperte le trattative per dare un futuro allo spazio culturale. Proprio nella serata di ieri, il Comune di Roma avrebbe rinnovato la disponibilità ad acquisire il Nuovo Cinema Palazzo per una somma compresa tra 900 mila e un milione di euro (come da stima già in precedenza effettuata): il Campidoglio resta in attesa di una risposta ufficiale da parte della società Domus Aurea del gruppo Paoletti, proprietaria dello stabile. Fonte: la Repubblica