ECCO COME FAR RINASCERE IL PONTE DELLA MUSICA

ponte-della-musicaEra stato ribattezzato il «ponte con vista sulla discarica», un’altra opera dimenticata nella città della burocrazia e dell’abbandono. A settembre un articolo del Messaggero tolse la polverosa cappa di indifferenza sul triste destino dell’avveniristico Ponte della Musica, dedicato alla memoria del maestro Armando Trovajoli. L’area sotto l’opera era in uno stato di degrado vergognoso, ricoperta da decine di bottiglie di birra e immondizia di ogni genere. La denuncia arrivò a casa Trovajoli e Mariapaola, la vedova del maestro, scrisse, mossa da sentimenti di rabbia e indignazione una accorata lettera al Messaggero. «Desidero manifestare la mia rabbia e la mia indignazione per l’indifferenza degli organi preposti verso questo monumento, che – scrisse Mariapaola – il Comune intitolò nel 2013 alla memoria di mio marito, il maestro Trovajoli, che ha dedicato a Roma molte delle sue musiche più belle, a cominciare da “Roma nun fa la stupida stasera” da “Rugantino” e da quelle per i più bei film di Luigi Magni, cantore di Roma». Il 3 ottobre un piccolo grande passo: residenti, volontari e il II Municipio organizzarono una mega operazione di pulizia della splendida piazza marmorea. A capitanare i volontari Sandra Naggar, membro del comitato di quartiere “Don Minzoni”. Ma il tema della mancata di pulizia per quella che sembra essere una “terra di nessuno” (non è chiara di chi sia la responsabilità del perimetro) rimane. Resta anche la volontà dei residenti e di Mariapaola Trovajoli di trovare una soluzione definitiva. E così domani mattina, dalle 10 alle 12, cittadini, volontari, comitati di quartiere, ma anche esponenti del Comune e della Regione si incontreranno in quella piazza marmorea per cercare di fare il punto sulla travagliata questione. Ci saranno Mariapaola Trovajoli, associazioni del territorio come “Amuse” e “Amici di Porta Pia” con Paolo Peroso, ma ci saranno anche esponenti delle istituzioni: il responsabile dello sport della Regione Lazio Roberto Tavani, la consigliera regionale Marta Leonori, per il II Municipio la presidente Francesca Del Bello e l’assessore all’Ambiente Rino Fabiano, per il Comune, Elisabetta Gagliassi, consigliera del Movimento Cinque Stelle del II Municipio, la federazione sport rotellistici, Giampaolo Letta del Circolo Canottieri Aniene. «L’incontro – spiega Sandra Naggar – ha l’obiettivo di raggiungere una soluzione non solo a favore del decoro quotidiano di questo luogo ma anche di condividere con tutti idee e progetti per questo grande spazio che viene vissuto ogni giorno da sportivi che si allenano, dagli skaters e da chi, nelle giornate di pioggia, fa lezione di varie discipline al riparo, non potendo svolgere le attività sopra il ponte. Invito – aggiunge – è rivolto alla cittadinanza, alle associazioni, agli sportivi, alle federazioni dello sport e alle istituzioni per condividere le scelte per il futuro del sottoponte nel rispetto delle idee e delle esigenze di tutti». Fonte: il Messaggero