PIAZZA DEI SANNITI, RINASCE IL GIARDINO SPONTANEO

san lorenzoIl giardino spontaneo di piazza dei Sanniti rinasce e continua a crescere giorno dopo giorno. E’ la risposta al blitz della squadra di tecnici del Comune che una settimana fa ha tagliato i due alberi, un tiglio e un fico, cresciuti davanti al Nuovo Cinema Palazzo. La mobilitazione per ricreare uno spazio verde tra l’asfalto e il cemento di San Lorenzo è scattata subito dall’indignazione di tanti residenti del quartiere che hanno cominciato a portare vasi di fiori e un ulivo. Ma il taglio delle due piante è solo l’ultimo di una serie di episodi che hanno colpito il palazzo occupato nove anni fa. “Nell’ottobre del 2019 la proprietà dello stabile ha incaricato un custode giudiziario per rientrarne in possesso – raccontano gli attivisti del Nuovo Palazzo che dal 2011 hanno promosso attività culturali, educative e sociali – Da quel momento siamo stati costretti a fronteggiare un susseguirsi di minacce, intimidazioni e iniziative che hanno messo a rischio l’intera comunità che orbita intorno allo spazio, resistendo a un vero e proprio assedio”. Lucchetti messi alle porte del centro, false segnalazioni di incendi  e poi le voci ricorrenti dell’imminente sgombero: sono alcuni dei fatti che si sono registrati dalla scorsa estate fino al taglio degli alberi di pochi giorni. Una decisione, a seguito di una denuncia sull’occupazione irregolare delle strisce blu davanti al cinema, che ha portato prima alla rimozione delle fioriere e poi all’abbattimento a colpi di motosega delle due piante. Per far fronte a questo clima crescente di intimidazioni è stata convocata un’assemblea pubblica sabato pomeriggio all’esterno del cinema. “Il numero dei posti sarà contingentato nel rispetto delle misure di prevenzione del contagio” – spiegano gli attivisti del Nuovo Cinema Palazzo che invitano, inoltre, all’uso di dispositivi di protezione individuale. È preferibile – raccomandano – confermare la partecipazione inviando una mail a ufficiostampa.cinemapalazzo@gmail.com. “Sarà una giornata di discussione e confronto sul futuro del Nuovo Cinema Palazzo – spiegano gli attivisti – convinti che il percorso fin qui tracciato vada portato a termine. Il Nuovo Cinema Palazzo è nato per contrastare l’apertura illecita di un casinò sala-bingo in uno dei più antichi cinema di Roma, e da sempre si è battuto contro la speculazione. Alcune Istituzioni hanno dimostrato un vivo interesse per la salvaguardia di quest’esperienza, riconoscendone il grande valore culturale e sociale. Un interesse sicuramente rafforzato dall’attuale carenza di luoghi di aggregazione e produzione artistica data dalla scarsità endemica di finanziamenti e dalla mancanza di una visione politica ad ampio raggio. In un contesto in cui i cinema storici chiudono, la produzione teatrale è in crisi e i centri culturali sono vincolati ai finanziamenti privati, proteggere il Nuovo Cinema Palazzo rappresenta oggi una presa di posizione controcorrente, in quanto significa porre al centro l’interesse collettivo”. Fonte: la Repubblica