VIA NIZZA: LE MOSTRE AL MACRO

MACRO LOGOMartedì 16 novembre, alle ore 19:30, al Macro di via Nizza performance “Shelter Chapter 1” di Primitive Art. Nella stessa data l’opera “Salvo Tree Repetition (seven day cicle)” di Jonathan Monk entrerà a far parte della grande quadreria della mostra “Autoritratto come Salvo”.

QUELLA MADONNINA ALL’ANGOLO TRA VIA BRESCIA E VIA SAVOIA

VIA BRESCIASono comunemente chiamate “Madonnelle” le edicole sacre, solitamente di soggetto mariano, che si  trovano agli angoli dei vecchi palazzi, di torri, di campanili.  Dipinte ad affresco o sulla tela, scolpite in rilievo  sul marmo o sulla terracotta, realizzate con la tecnica del mosaico,  rappresentano l’espressione popolare della devozione verso la Madonna  che, in alcuni casi, ha dato luogo a vere e proprie opere d’arte.  Inoltre, queste, rischiaravano con i loro lumi votivi la notte  del viandante che si avventurava in una Roma completamente buia. All’angolo tra via Savoia e via Brescia ce ne è una, bizantineggiante, detta Madonna della salute, di autore anonimo e di fattura piuttosto recente.

VIALE SOMALIA: LIBRERIA ELI, SI PARLA DI “RAISTEREONOTTE”

LocandinaLunedì 15 novembre alle 21 presso la Libreria Eli di viale Somalia 50, Giampiero Vigorito, autore e curatore del libro “Raistereonotte” (Iacobelli editore, 2020), parlerà della celebre trasmissione radiofonica per festeggiare il trentanovesimo anniversario del programma, trasmesso per la prima volta l’8 novembre 1982. Ad accompagnarlo in questo viaggio a ritroso nella memoria di migliaia di radioascoltatori, fitto di aneddoti e retroscena, saranno presenti Carlo Massarini, che ha curato la prefazione del volume, insieme a Ernesto Assante e Teresa De Santis, voci storiche della trasmissione. Andato in onda fino al 1995 sulle frequenze Rai, Stereonotte ha rappresentato un tassello importante nell’evoluzione della stereofonia italiana pre-social e costituisce a distanza di decenni un punto di riferimento nell’immaginario collettivo di intere generazioni. Dopo un anno dalla sua pubblicazione, il libro che ne narra la storia (320 pagine, 20 euro) ha raggiunto un vasto pubblico posizionandosi in cima alle classifiche di settore dei maggiori store digitali fino alla scorsa primavera. Tre edizioni, circa 5000 copie vendute per “una trasmissione che ha scavato un solco nel cuore di quelle creature della notte che hanno dedicato alla musica le ore che li accompagnavano nello studio, nel lavoro, negli impegni notturni”, scrive Giampiero Vigorito.