ALESSANDRO RICCI, BERSAGLIERE DA ALBENGA A PORTA PIA

RICCI 1RICCI 2RICCI 4RICCI 5Correva il lontano 1977 e il prode Alessandro Ricci ancora non vendeva lampadine a piazza Alessandria. Però illuminava il suo percorso facendo il militare in Liguria, ad Albenga. E non era un milite ignoto qualsiasi, ma un graduato: sottotenente di complemento, quasi un capitano insomma. Al suo comando un intero battaglione come mostrano le foto. Il corpo di appartenenza, proprio quello dei bersaglieri che avevano aperto la Breccia di Porta Pia, sempre vicino a piazza Alessandria, tanto per chiudere il cerchio del nostro racconto. E oggi, a tre giorni dall’anniversario della Breccia, non potevamo non parlare del “nostro” bersagliere preferito.

RICCI 3

MOSTRA REALIZZATA CON IL LEGNO DELLA QUERCIA DI VILLA BORGHESE

invitoMartedì 21 settembre e fino al 29 ottobre, all’Orto botanico di largo Cristina di Svezia 23a, ci sarà l’inaugurazione della mostra “La quercia del lupo”, realizzata con le opere lignee derivanti dalla quercia secolare di Villa Borghese (1670-2021). Partecipano gli artisti Massimo Livadiotti, Paolo Martellotti e Roberto Mannino con gli allievi della “Scuola delle Arti e dei Mestieri di Roma”: Sighild Blanc, Isabella De Berardinis, Tullio De Santis, Lucio Fraschetti, Irene Iodice, Sestilio Lombardi (Selo’21), Luciano Magliari, Marina Ortona, Massimo Pasquali e Matteo Tiberi. Con il patrocinio dell’Assessorato alla Crescita Culturale di Roma, promossa dall’Orto Botanico e dall’Associazione Amici di Villa Borghese.

CASTRO PRETORIO: LA BIBLIOTECA NAZIONALE CELEBRA DANTE

biblioteca nazionale 2BIBLIOTECA NAZIONALEPresso la  Biblioteca nazionale centrale di viale Castro Pretorio, tra il 21 e il 23 settembre, si celebra Dante Alighieri. Nell’autunno dell’anno dantesco – mentre si conclude lo straordinario triennio delle celebrazioni di Leonardo, Raffaello e Dante – il convegno intende portare una riflessione a carattere generale sulla congiunzione-intersezione delle orbite dei tre infiniti protagonisti che impersonano l’assoluta centralità della cultura italiana: di una Italia la cui coscienza emerge la prima volta, come si sa, attraverso la poesia di Dante e che poi si afferma in Europa come Nazione dell’Arte attraverso la lezione di Leonardo e Raffaello.