MUSEO DI VILLA GIULIA, CONCERTO IN OMAGGIO A LUCOS COZZA

etruEtru, il museo di Villa Giulia è lieto di ospitare un omaggio in musica per il centenario della nascita di Lucos Cozza, archeologo e studioso del mondo antico. Il Coro Koob diretto da Francesca La Via eseguirà nel giardino del museo musiche di Schubert, Handel, Palestrina e antichi canti tradizionali. Nel rispetto delle norme anti Covid-19, è obbligatoria la prenotazione via email a 26giugno2021@gmail.com fino ad esaurimento posti disponibili. Evento gratuito compreso nel biglietto di ingresso ai giardini al costo di 4 euro. Si consiglia di arrivare almeno 30 minuti prima del concerto per l’acquisto del biglietto. Appuntamento il 26 giugno alle ore 18.

L’AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA INTITOLATO A ENNIO MORRICONE

Ormai è certo: l’Auditorium Parco della musica sarà intitolato al maestro Ennio Morricone, scomparso nella notte tra il 5 e il 6 luglio 2020 all’età di 91 anni. Si tratta di una decisione ratificata a suo tempo dal voto dell’assemblea capitolina sulla mozione che proponeva il cambio di nome, approvata all’unanimità tra gli applausi dell’aula Giulio Cesare. Appunto, a un anno dalla scomparsa, la decisione diventerà operativa.

“TUTTE LE POESIE POSSIBILI” A VILLA ADA INCONTRA IL MONDO

“Tutte le poesie possibili, da Castelporziano a Villa Ada” è l’evento che stasera Villa Ada Roma Incontra il Mondo dedica a quelle giornate con 30 poeti che si alternano sul palco, per la rassegna La Bella Estate di Renato (curata da Camilla De Boni, Marilù Prati e Stefano Simoncini), iniziativa realizzata in collaborazione con la Regione Lazio e dedicata alla figura di Renato Nicolini, alla sua visione della cultura e all’Estate Romana – il magnifico frutto del suo impegno decennale come assessore alla Cultura del Comune di Roma. Nicolini riuscì a creare una straordinaria macchina creativa, abbattendo le barriere tra centro e periferie, cultura alta e bassa, antico e contemporaneo, locale e globale, all’insegna della riconnessione tra vita culturale e spazio pubblico.

E ALLA CAVEA DELL’AUDITORIUM SBARCA MECNA

Questa sera, nell’ambito della rassegna estiva Si può fare all’Auditorium Parco della Musica, arriva in Cavea “Mecna”. Classe 1987, è una delle voci più importanti della scena rap italiana, capace di accontarsi in modo intimo e personale attraverso produzioni raffinate, caratterizzate da tappeti elettronici e atmosfere soffuse che unite alle liriche autobiografiche ma mai autoreferenziali creano uno stile inedito e inconfondibile. Mecna è stato la rivelazione della stagione 2012/2013, con il suo album d’esordio “Disco Inverno” (Macro Beats/Audioglobe) che ha conquistato subito i media specializzati, il pubblico Hip Hop e tutta la scena indipendente italiana. Nel gennaio 2015 esce il suo secondo album “Laska” (Macro Beats/Universal Music) che consacra definitivamente il rapper e debutta alla posizione numero 8 della classifica Fimi a cui segue, a gennaio 2017, la pubblicazione di “Lungomare Paranoia” (Macro Beats/A1 Entertainment).