VERANO: DA TRILUSSA A GASSMAN, TOMBE DI UOMINI ILLUSTRI

L’imperituro ricordo, riportato in migliaia di epitaffi, non è sempre così eterno. Così capita che il luogo in cui riposano persone di fama immortale sia disadorno, dimenticato, in condizioni disagevoli o disastrate. Accade al Verano, il cimitero di Roma, dove, secondo la tradizione, vengono sepolti i veri romani. Lungo i viali alberati, fra ampliamenti, reparti, arciconfraternite, ecco le tombe di Vittorio Gassman, Marcello TOMBA TRILUSSAMastroianni, Rino Gaetano, Ferruccio Amendola, Trilussa e centinaia di personaggi che sono stati più o meno famosi, più o meno rilevanti in qualsivoglia campo dello spirito umano. E se la morte è una livella non si può dire lo stesso del grado di conservazione di lapidi e urne. Vittorio Gassman, ad esempio, riposa accanto al Quadriportico, ricordato da una lastra di marmo a forma di libricino che riporta la sua foto. Continue reading

VIALE XXI APRILE: IL MONUMENTO AI CADUTI DELLA GUARDIA DI FINANZA

VIALE XXI APRILE MONUMENTO GDFVIALE XXI APRILEIl Monumento ai caduti della Regia Guardia di Finanza è in largo XXI Aprile, all’incrocio di via De Rossi con viale XXI Aprile. Il Monumento ai Caduti della Guardia di Finanza fu completato nel 1924 e inaugurato nel 1930. È opera dello scultore Amleto Cataldi ed è costituito da un cilindro in peperino arricchito da sculture in bronzo che rappresentano finanzieri nell’assolvimento del proprio dovere e sormontato in alto da una statua raffigurante l’Italia. A caratteri romani, in alto nel peperino, la scritta dedicatoria: Nell’anno VII dell’era fascista – regnando Vittorio Emanvele III – dvce Benito Mussolini – in onore ai cadvti della regia guardia di finanza – queste pietre tvtelari Monumento ai Caduti della Guardia di Finanza– e il bronzo perenne – confidano agli italiani – il comando il giuramento il premio – di silenziosa fedeltà. Da un punto di vista estetico il monumento non può definirsi un successo: le statue dei finanzieri sono massicce e statiche, nonostante vogliano ritrarre proprio delle azioni, e la statua dell’Italia in cima, realizzata in dimensione ridotta per sfruttare l’effetto prospettico, appare ridicolmente piccola.

APPUNTAMENTI ONLINE DAI MUSEI CIVICI DI ROMA (2- 9 MARZO 2021)

Con i tuoi occhi_ MdRoma_1050x545aMICi online continua sulla piattaforma Google Suite con l’appuntamento Con i tuoi occhi dal Museo di Roma, il 3 marzo alle 16, un dialogo a più voci davanti a un quadro delle collezioni del Museo dove il protagonista è il pubblico, utilizzando il metodo dialogico che consente di amplificare la visione ravvicinata, fino a cogliere particolari del dipinto, impossibili da vedere dal vivo. A cura di Fulvia Strano. Numero partecipanti: 40. La collezione di conchiglie del Marchese di Monterosato dal Museo Civico di Zoologia, il 4 marzo dalle 16, a cura di Massimo Appolloni. Tommaso Allery di Maria, Marchese di Monterosato, dedicò tutta la sua vita a raccogliere e studiare gli esemplari della sua enorme raccolta. Continue reading

PORTA SALARIA NELL’ANNO 1871

PORTA SALARIA 1871

PORTA SALARIAQuella che oggi è piazza Fiume una volta aveva un ingresso chiamato Porta Salaria, di cui resta sull’asfalto una scritta alla memoria. Nel 1871, un anno dopo la Breccia di Porta Pia, era ancora così ridotta, con le macerie dovute al bombardamento effettuato per entrare nella Roma pontificia.

“MADAME & FIGARO”, PARRUCCHIERE DI CLASSE IN VIA RIETI

madame & figaroA via Rieti 19 c’è un parrucchiere della catena “Madame e Figaro”, sia per uomo che per donna e bambino. Tagli moderni, classici, e reparto estetico con manicure, pedicure, tinta. Se volete fissare un appuntamento, basta chiamare al numero 06/84.19.117. Ambiente sanificato e richiesta di nome, cognome e telefono come dovrebbe essere obbligatorio in questo periodo, anche se molti non rispettano tale regola che preserva la salute. Massima gentilezza e pure qualche attenzione gradita agli avventori: i gestori, durante la lavorazione, mandano in audio la musica preferita dal cliente, per aggiungere del piacere al tempo a lui/lei dedicato.

AL VIA DAL 1° MARZO I TAMPONI PER GLI STUDENTI DELLA SAPIENZA

LA SAPIENZAOra è ufficiale: sono infatti aperte le prenotazioni per i tamponi molecolari riguardanti gli studenti universitari della Sapienza. L’ateneo romano fa partire, dunque, una campagna di screening, a partire dal 1° marzo, in vista della ripresa delle lezioni in presenza nelle facoltà, nel secondo semestre. Il tampone molecolare rappresenta, infatti, l’esame principale e il più affidabile per stabilire la presenza del virus. Il test si fonda sulla ricerca dei frammenti del materiale genetico di cui è composto il Covid. Si esegue su un campione di muco prelevato da naso, bocca e faringe con un bastoncino di cotone.

VILLA LEOPARDI: QUEL GIARDINO È PROPRIO UNA FAVOLA

VILLA LEOPARDIUn mondo di favole arriva a Villa Leopardi. Infatti, volenterosi residenti hanno dipinto le panchine dell’area dedicata ai bambini. E lo hanno fatto disegnando alcuni personaggi di fantasia tra i più amati dai più piccoli. Cappuccetto rosso, Pinocchio, la Pimpa, Peppa Pig. Il parco, così, si abbellisce per la gioia dei più piccolki e per la soddisfazione dei grandi.

PALAZZO ENEL: GRANDI CAMBIAMENTI IN VIALE REGINA MARGHERITA

enelIl palazzone dell’Enel, in viale Regina Margherita, sta per trasformarsi. I lavori di ristrutturazione, iniziati a fine 2020, si concluderanno nel mese di febbraio 2024. Per tre anni, dunque, le serrande dell’edificio saranno abbassate, mentre all’interno lavoreranno centinaia di operai. La riqualificazione riguarda una superficie di circa 80 mila mq e prevede un progetto destinato ad aumentare il benessere dei dipendenti, attraverso spazi di lavoro moderni. Gli impianti di illuminazione e di climatizzazione garantiranno le migliori condizioni di comfort mentre la distribuzione degli spazi assicurerà l’alternanza degli ambienti di lavoro con spazi verdi interni ed esterni e aree dedicate al benessere psico-fisico.

QUANDO JOAQUIN NAVARRO-VALLS S’INCROCIAVA IN VIA TEVERE

NAVARRO VALLSIl suo nome resterà nella storia vaticana e in quella della comunicazione. Joaquín Navarro-Valls, morto il 5 luglio 2017 all’età di 80 anni, dopo una lunga malattia vissuta con grande discrezione, è stato lo storico portavoce di San Giovanni Paolo II. Chiamato inaspettatamente a quel ruolo, nel 1984, resterà alla guida della Sala Stampa della Santa Sede fino al 2006, due anni dopo la morte del “suo” Papa polacco e l’elezione di Benedetto XVI. Wojtyla, che prima di allora non lo conosceva personalmente, gli chiese di curare la comunicazione del Vaticano invitandolo una sera a cena nell’appartamento privato, nella terza loggia del Palazzo Apostolico. Navarro-Valls rimase spiazzato dalla richiesta, ma accettò. Ne nacque un binomio formidabile tra il Papa polacco e il suo portavoce. Navarro Valls ha abitato per molti anni dalle parti di via Tevere, in un palazzo del Vaticano. Gli abitanti del quartiere lo incrociavano spesso per strada o alla palestra di piazza Alessandria e, ancora, all’allora negozio di barbiere in via Isonzo.