VILLA BORGHESE: DOMENICA, CACCIA AL TESORO DIDATTICA

CACCIA AL TESORO DIDATTICAA Villa Borghese, domenica 21 febbraio dalle ore 11 Caccia al Tesoro Didattica: visita guidata e attività per bambini con le loro famiglie nel parco. Si tratta di una caccia al tesoro tra arte e storia. Si andrà, infatti, alla ricerca dei tesori di Villa Borghese Immersi nel verde di uno dei parchi più belli di Roma, per scoprire le vicissitudini della tenuta della famiglia Borghese attraverso una “caccia” tra arte e storia, per vivere e conoscere un luogo tanto caro ai romani. Sarà un’occasione unica per tutta la famiglia di partecipare ad una visita guidata con attività didattica, ideata e realizzata da Cicero in Rome in esclusiva per i partecipanti. Cosa aspettate? Inviate una email a simoscad@gmail.com specificando il titolo dell’attività che si vuole svolgere, il numero ed i nominativi dei partecipanti, età dei minorenni, un numero di cellulare e un cognome di riferimento della famiglia.

UN PERICOLO IN VIA GRAMSCI: IL MUNICIPIO INTERVENGA

SMOTTAMENTOLeonardo de Sanctis ha scritto all’assessore municipale Gian Paolo Giovannelli: “Gentile Assessore, sono un cittadino del Municipio II, abito in via Antonio Gramsci. Con questa e.mail desidero segnalare a lei e al suo Assessorato le condizioni di pericolo – con progressivo peggioramento in corso – del terrapieno di piazzale Churchill. Lo slargo si trova nell’ultimo tratto di via Antonio Gramsci, su di esso si affaccia l’edificio dell’Accademia Britannica, spesso utilizzato come set televisivo/cinematografico. Quindi un luogo ben noto del quartiere Pinciano e assai frequentato, specie nei giorni festivi, come “porta” di accesso SMOTTAMENTO 2a Villa Borghese e al Giardino del lago. Da mesi sto monitorando la “tenuta” del terrapieno che da piazzale Churchill si affaccia sul sottostante piazzale Simon Bolívar. Il terrapieno sta cedendo, lentamente e inesorabilmente. Le allego alcune foto scattate il 30 gennaio 2021 al pilone di sinistra. Quella che era alcuni mesi fa una sottile fessura, è ora larga 15/20 di centimetri.  Segnale, questo, del lento smottamento del terrapieno da piazzale Churchill su piazzale Bolívar. Ciò suppongo da profano. Allego anche un’ultima foto che ritrae un pino, uno splendido pino alto circa 30 metri, completamente secco. Credo che si tratti di un altro pericolo incombente sul luogo, in particolare sui giardini spesso affollati di fronte alla Facoltà di Architettura. Mi permetto di suggerire un sopralluogo tecnico. Grazie per l’ascolto.  Un saluto cordiale.”

“I RAGAZZI DEI PARIOLI”, FILM DEL 1959 CON NINO MANFREDI

i ragazzi dei parioli“I ragazzi dei Parioli” è un film italiano del 1959 diretto da Sergio Corbucci. Tra gli interpreti: Nino Manfredi, Leopoldo Trieste, Scilla Gabel, Alessandra Panaro. Bob e Fabrizio sono due ragazzi dei Parioli, noti per la loro condotta poco seria e disordinata. Mossi dal desiderio di avventure, i due, spacciandosi per sergio corbucciproduttori di una casa cinematografica, mettono sui giornali un’inserzione, con cui si propongono d’attirare in casa loro delle attrici in erba: a tale disonesta iniziativa partecipa anche Susy, una ragazza dei Parioli, innamorata di Fabrizio. Nuccia e Grazia, due “stelline” in cerca di notorietà e di scritture locandina i ragazzi dei parioliabboccano all’amo e si recano nell’appartamento di Bob. Grazia, la cui mente, dopo alcuni bicchieri di whisky, è annebbiata, diventa ben presto arrendevole alle proposte di Fabrizio, mentre Nuccia si ribella alle insistenze di Bob. Questi, che per darsi coraggio ha bevuto smodatamente, perde la testa e usando nei riguardi della ragazza modi violenti, la fa cadere in malo modo. Nuccia, avendo battuto la testa contro il muro, sviene, e vani sono i tentativi di Bob per rianimarla. Egli la crede morta, e viene preso dallo spavento: l’arrivo di un gruppo di amici, venuti a fare baldoria, accresce il suo turbamento. Susy, che fa parte del gruppo, intuisce che è successo qualcosa di grave e induce Bob a confessarle la verità. Ella accerta però che Nuccia è soltanto svenuta, riesce a rianimarla, e consegnandole una grossa somma di denaro, si fa promettere che non parlerà con nessuno della trista avventura. Liberato dall’incubo, Bob prova un profondo disgusto per quanto ha fatto ed a Fabrizio che l’ha trascinato alla disonesta impresa grida in faccia il suo disprezzo. I due stanno per venire alle mani, ma poi tutto finisce in burletta tra grida e schiamazzi. Tutti partono per qualche nuova bravata: Susy, disgustata, se ne va sola a casa.

CANALI SOCIAL DELLA CASA DEL CINEMA: INCONTRI CON GLI AUTORI

AL-CINEMA-CON-UN-LIBRO-570x238Da venerdì 19 febbraio, all’interno dei canali social della Casa del Cinema, interverranno cinque autori diversi per presentare le loro opere dedicate ad alcuni film leggendari della commedia all’italiana. Si parte con Giorgio Gobbi, il famoso Ricciotto de “Il Marchese del Grillo”, protagonista con il suo “S’è svejatooo”: la genesi, i dietro le quinte, le vicissitudini che caratterizzarono il set de “Il marchese del Grillo”, capolavoro firmato da Mario Monicelli e interpretato da un Alberto Sordi di istrionica bravura.  Continue reading

LA LAZIO RISPONDE ALLE ACCUSE DELLA FGCI DI VIA ALLEGRI

VIA ALLEGRILa Lazio risponde alle accuse di aver violato il protocollo anti Covid della Figc di via Allegri. E controbatte punto su punto al deferimento arrivato dalla Procura federale, dove il pool guidato da Giuseppe Chinè ha deciso di procedere con la notifica (verso il club, Lotito e i medici Rodia e Pulcini): niente patteggiamento, si va a processo. Nelle venti pagine della memoria difensiva, curata dall’avvocato biancoceleste Gian Michele Gentile, sono tracciate le linee guida che Lazio utilizzerà davanti al tribunale federale nazionale per ribadire – con forza –  la propria estraneità ai fatti contestati. In primis la Lazio sostiene che la Figc e i suoi vari organi, compresa la procura, non hanno facoltà di giurisdizione nei tornei organizzati da altre federazioni o istituzioni europee. Continue reading

SI FA IN VIA GOITO LA RACCOLTA FIRME PER I REFERENDUM

gli uffici di via goitoLa raccolta e l’autentificazione delle firme per la presentazione di referendum e leggi d’iniziativa popolare viene effettuata presso: Ufficio relazioni con il pubblico – sede di via Goito, 35 – martedì e giovedì: dalle 8.30 alle 12.00 e dalle 14.00 alle 16.00 – mercoledì: dalle 8.30 alle 12.00 – lunedì e venerdì: previo appuntamento da concordarsi telefonicamente (tel. 0669603333 – 0669603334 – 0669603335). È necessario un documento di identificazione in corso di validità. Per maggiori informazioni visitare la sezione Partecipa del Portate Istituzionale

ALTRA PEDANA IN VIA BRESCIA: È ACCERCHIAMENTO PER I RESIDENTI

VIA BRESCIA 1Scrive Gianni: “L’accerchiamento continua , ennesima pedana a via Brescia . Mi sembra impellente a questo punto , considerando che ulteriori pedane sono all’orizzonte , che anche a noi residenti qualcuno pensi. La mia non è una guerra verso i ristoratori o i proprietari dei bar che giustamente sfruttano le opportunità a loro date per cercare di incrementare il fatturato , sensibilmente compromesso dalla pandemia , ma ritengo che sia necessaria una contropartita per Noi che questo quartiere lo abitiamo . Una volta per tutte è possibile allargare la zona dove è consentito parcheggiare?inoltre vorrei sapere in quali garage sono i posti garantiti per ogni pedana , come ci era stato promesso?”

VIALE ERITREA, IERI E OGGI

viale eritreaviale eritrea 2Nella foto d’epoca è il 1933 e ci troviamo in viale Eritrea. In primo piano appare anche quello che sarà il tracciato di via Sirte. Anche l’altra foto è di quel periodo, mentre l’immagine a colori appartiene viale eritrea 3ai giorni nostri.