LA DONNA CHE UCCISE NEREO A VIA PO PATTEGGIA LA PENA

Per aver investito e ucciso Gino Nereo Murari, il clochard giramondo con il pallino della letteratura, Rosella De Luca, 58 anni, ha patteggiato una pena di due anni e otto mesi di reclusione con le accuse di omicidio stradale e omissione di soccorso. La Procura ha dato il via libera al patteggiamento per la scelta dell’imputata di risarcire il danno ai familiari NEREO A VIA POdel clochard. Che non è mai stato un senzatetto qualunque. Nereo, veronese di origine, morto il 7 gennaio del 2019 all’età di 73 anni, era arrivato nella Capitale poco più di vent’anni fa dopo aver girovagato tra Africa, Asia ed Est Europa con un sacco a pelo e con un libro sempre nuovo a fargli compagnia. Da allora Roma era diventata la sua casa. Le sue giornate Nereo le ha trascorse fino all’ultimo a leggere gialli, accampato in un angolo di corso d’Italia, alla base delle Mura Aureliane, tra via Po e via Romagna. E poi a passeggiare con la sua fedele amica a quattro zampe, Lilla, un bracco. L’ultima giornata del clochard comincia verso le 4,50 del mattino. Continue reading

E DOMANI TORNA LA DOMENICA ECOLOGICA

Domenica-EcologicaIl 24 gennaio è in programma il secondo dei quattro appuntamenti delle “domeniche ecologiche” per la stagione invernale 2020/21. Si tratta di un provvedimento per limitare l’inquinamento atmosferico e sensibilizzare la cittadinanza sui temi della qualità dell’aria e della mobilità sostenibile. Sono previsti poi altri 2 appuntamenti, fino a marzo 2021. Il provvedimento va ad aggiungersi ai divieti previsti per l’inserimento di Roma e del Lazio nella fascia arancione per il contenimento del coronavirus. Continue reading

CORSO PREMATRIMONIALE NELLA PARROCCHIA DI SAN SATURNINO

san saturninoUn ciclo di incontri per preparare al matrimonio i futuri sposi del nostro quartiere. A organizzarli è la parrocchia di San Saturnino, con l’obiettivo di “analizzare e approfondire le dimensioni fondamentali della vita di coppia”. Gli appuntamenti si terranno il 5, 12, 19 e 26 febbraio, 5, 12 e 19 marzo, dalle 21 alle 22:30. Il 20 marzo è invece previsto il ritiro, mentre il 21 marzo, alle 12, la presentazione dei fidanzati alla comunità parrocchiale.

NUOVO RISTORANTE A DUE PASSI DA PIAZZA FIUME APRE LUNEDÌ

novaLa pandemia non ferma del tutto il mondo della ristorazione. C’è anche chi, nonostante l’impossibilità di offrire il massimo del servizio, decide di aprire in un periodo buio come questo. È il caso di Nova – attimi di gusto, nuova realtà gastronomica romana che aprirà il 25 gennaio all’inizio di via Piave e a pochi passi da Piazza Fiume, snodo storico tra i quartieri Pinciano e Salario. Un progetto nato da due giovani romani, imprenditori nel settore della ristorazione che hanno portato avanti questo nuovo progetto senza lasciarsi scoraggiare dalle attuali difficoltà. Per il momento Nova potrà aprire solo con il takeawy e, pochi giorni dopo l’apertura, con le consegne a domicilio, ma appena sarà possibile, diventerà un locale all day long, prevendendo dunque un servizio al tavolo per colazione, brunch, pranzo, merenda, aperitivo, cena e after dinner. Continue reading

BSR DI VIA GRAMSCI: SU ZOOM SI PARLA DEL MUSEO DI OSTIA ANTICA

BSR“Ostian museum reloaded: il progetto del nuovo allestimento” è l’argomento affrontato da Mariarosaria Barbera (Parco Archeologico di Ostia) il 27 gennaio alle ore 18 su Zoom, organizzato dalla British School di via Gramsci: clicca qui per prenotarti. Il Museo Archeologico inserito nella splendida cornice di Ostia Antica, inaugurato nel 1962 secondo criteri e gusto dell’epoca e tuttora saldo riferimento per gli studiosi, necessita di operazioni di “messa a norma”, per consentirne apertura e visita in piena sicurezza. Questa esigenza ha portato a ripensare l’allestimento in tutte le sue componenti, a partire dall’ordinamento dei materiali archeologici esposti, secondo un percorso attento a un più stretto collegamento del Museo alla circostante città di Ostia. La selezione effettuata – che anche grazie all’ampliamento degli spazi disponibili ha recuperato nel numero e nella tipologia materiali mai esposti, oppure tradizionalmente conservati nei depositi – ha inteso unire rigore scientifico e piacevolezza dei contenuti; particolare attenzione è stata prestata alla comunicazione con le relative tecnologie, in grado di parlare a gruppi e strati differenti di pubblico. Il progetto di restauro ha accompagnato, in ogni sua fase di elaborazione, il lavoro del gruppo interprofessionale costituito dal Parco Archeologico di Ostia.