VERANO: CASSIERA FACEVA LA CRESTA SUI DIRITTI CIMITERIALI

statua_cimitero_veranoDal suo ufficio faceva la cresta sui pagamenti dei diritti cimiteriali. Per ogni bara da seppellire tratteneva una somma per sé. È bastato poco più di un mese a una cassiera del Verano, dipendente di Ama, per raddoppiare il proprio stipendio. L’impiegata, infatti, mentre riscuoteva da privati in lutto o dalle pompe funebri le tasse per acquisto di loculi e urne cinerarie, per cremazioni e inumazioni, ha trattenuto per sé, quasi ogni giorno, una piccola somma. Così, tra il 3 marzo e i primi giorni di aprile, mentre a Roma, in pieno lockdown regnava il deserto, con meno controlli e più bare da seppellire, la cassiera, A.C., una quarantenne fino ad allora irreprensibile, si sarebbe messa in tasca 2.889 euro. Continue reading

STOP DAL 10 AL 16 DICEMBRE AI SERVIZI ANAGRAFICI, MA DOPO…

LOGO ROMA CAPITALEDal 10 al 16 dicembre è prevista la sospensione dei servizi anagrafici al cittadino, sia in presenza che online: interruzione, questa, necessaria a convogliare la banca dati anagrafica di Roma Capitale nella Nuova Anagrafe nazionale della popolazione residente (Anpr), in ottemperanza alle disposizioni governative. Duplice lo scopo del progetto. In primo luogo consentire a tutte le Pubbliche amministrazioni di accedere telematicamente a un unico archivio nazionale per l’acquisizione delle informazioni anagrafiche della popolazione. Allo stesso tempo, permettere ai cittadini di richiedere i certificati anagrafici e di stato civile presso qualsiasi comune italiano, e non soltanto presso quello di residenza, svincolandoli anche dall’obbligo di comunicare i propri dati ai diversi uffici della Pubblica amministrazione. Un passo in avanti verso la decertificazione e lo snellimento della burocrazia: le procedure di variazione dei dati della popolazione saranno semplificate e unificate a livello nazionale.

“ENTRA NEL NATALE”, CONCORSO PER IL PRESEPE PIÙ BELLO

PRESEPE 1IMG_20201126_131652In via Alessandria, all’interno di un portone, stanno allestendo un presepe. Roma2oggi vuole allora indire il concorso “Entra nel Natale” per il presepe più bello del municipio che abbia le stesse modalità di visione, sia per chi abita nel palazzo che per tutti quelli si trovassero a passare da quelle parti. Segnalateli, perciò, al nostro giornale (redazione@roma2oggi.it) e noi oltre a pubblicare le foto, alla fine delle festività natalizie proclameremo il vincitore di questa gara inusuale e simpatica.

LA PICCOLA LONDRA AL QUARTIERE FLAMINIO

PICCOLA LONDRA ROMAQuando credi di conoscere Roma alla perfezione, ecco che la capitale sa stupirti. Avete mai sentito parlare della Piccola Londra romana? Roma continua a regalare sorprese, anche a chi magari ci vive da molti anni o è abituato a visitarla di continuo. In pochi infatti sanno che la Città eterna vanta tra i suoi quartieri caratteristici anche una Piccola Londra. È così che viene definito uno dei luoghi più nascosti e poco PICCOLA LONDRA ROMA 2celebrati della capitale. Molto spesso sentire questo nome non fa risuonare alcuna campanella anche agli stessi romani. In fondo però fa parte del grande fascino innegabile della città, costantemente da scoprire. Se per caso ci si dovesse trovare tra viale del Vignola e via Flaminia, ci si renderà conto della presenza di un caratteristico vialetto pedonale, precisamente pavimentato con dei PICCOLA LONDRA ROMA 4sampietrini. Un luogo ideale per gli amanti di Instagram e i dipendenti dai selfie. Alzando lo sguardo si noteranno poi tante villette, dalle dimensioni simili, chiaramente rientranti in un progetto urbanistico ben preciso. Le loro facciate sono tutte variopinte e presentano un po’ di spazio dinanzi alla porta d’ingresso, delimitato da cancelletti in ferro. I portoni sono PICCOLA LONDRA ROMA 5rigorosamente in legno e le scale in pietra. Tutto grida stile british e risala l’estrema cura estetica, quasi ci si fosse trovati di colpo in un quartiere nel cuore di Londra. Volendo essere precisi questo surreale angolo d’Inghilterra è situato nel quartiere Flaminio, in via Bernardo Celentano. Questa strada PICCOLA LONDRA 6privata così intrigante ha una storia ben precisa, che affonda le radici negli inizi del secolo scorso. Nel 1909 infatti venne eletto il sindaco anglo-italiano Ernesto Nathan, che comprendeva pienamente il potenziale immenso di Roma e sognava di portarla al livello delle grandi capitali europee, in quanto a organizzazione e decoro. Fece dunque approvare un piano regolatore che impedì alle costruzioni di superare i 24 metri d’altezza, con villette che non potevano superare il secondo piano (tutte con cancelletto in ferro). Questa strada non è altro che un esempio di quel progetto ambizioso, realizzato dall’architetto Quadrio Pirani. Il progetto non è però mai andato oltre questo piccolo angolo di paradiso, che però isola i residenti dal traffico e caos della capitale.