ISTITUTO GIAPPONESE, ULTIMO FILM DELLA RASSEGNA SU OZU YASUJIRO

FILML’Istituto Giapponese di via Gramsci presenta “Vi racconto Ozu”, la settima arte in sette film di Ozu Yasujiro. Il settimo e ultimo film della rassegna, Sanma no aji/Il gusto del sake (1962), è in programma su Mymovies.it venerdì 27 novembre alle 21.15. Introduzione dalle 20.45 a cura di Mario Sesti (critico cinematografico, regista, Fondazione Cinema per Roma). Questo il link di accesso: https://www.mymovies.it/ondemand/mymovieslive/movie/jp-sake/ La macchina da presa di Ozu, bassa e statica al pari di altri oggetti poggiati sul tatami, riprende i gesti quotidiani della ventiquattrenne Michiko, intenta ad accudire l’anziano padre vedovo e il fratello più giovane. Siamo in casa della famiglia Hirayama, dove tutto sembra procedere serenamente fino al giorno in cui un amico del padre gli fa notare che Michiko avrebbe diritto a formarsi una sua famiglia e a costruire la sua felicità. Un distacco doloroso ma necessario, un gesto d’amore che un buon padre deve avere la forza di affrontare.

GESTIONE DEL VERDE E PARCO NEMORENSE, LE QUESTIONI APERTE

ROLLINScrive il presidente della Commissione ambiente del II municipio, Andrea Rollin: “Dopo un importante lavoro svolto dagli uffici municipali, questa settimana inizia, da parte della società vincitrice della relativa procedura di affidamento, il  servizio di manutenzione e sfalcio delle piccole  aree verdi, comprese le rotatorie con la presenza di verde, gestite direttamente dal municipio. Questo affidamento avrà la durata di due anni e consentirà anche di piantare nuove essenze arboree, dopo aver ottenuto  il permesso dal comune che gestisce la piantumazione e potatura degli alberi. Invece, il comune ancora non ha attivato un  piano di piantumazione di nuove piante in particolare nelle ville storiche dove sono state abbattute molte alberature. Gli uffici comunali e la sindaca hanno più volte, nell’ultimo periodo, annunciato  Villa Borghese. Via della Fontana Rotondala conclusione di una gara da 48 milioni di euro per affidare il servizio di manutenzione delle alberature a società qualificate. Sono passati mesi dalla fine della gara e le società vincitrici non hanno ancora iniziato le potature degli alberi. Il tempo passa e la stagione indicata dagli esperti per effettuare le   potature sta finendo… parco_nemorense_o_virgiliano_Per sollecitare l’ avvio di queste potature e per garantire un’adeguata informazione in merito, il consiglio del Municipio ha votato un documento da me scritto. Ancora una volta il comune promette e poi non rispetta assolutamente i tempi. A proposito del Parco Nemorense, i lavori nello spazio verde di via Martignano sono finiti, ma ad oggi non si hanno notizie di una possibile apertura dell’area. Nel frattempo il servizio giardini non sta effettuando la promessa, manutenzione del parco e non ha ufficializzato il nuovo impegno fondi per ripristinare l’intera pavimentazione del parco. Rimango in attesa di aggiornamenti, se vi saranno…”.

DEGRADO E RIFIUTI, QUESTO OGGI IL PONTE DELLA MUSICA

Da opera imponente e straordinaria a monumento al degrado: il Ponte della Musica versa in pessime condizioni. Inaugurato nel 2011 rappresenta il collegamento ideale tra lo sport, la musica e l’arte contemporanea. Una passerella dal design moderno che congiunge il Foro Italico e il quartiere Flaminio: quasi duecento metri sospesi sul Tevere che ponte della musica. foto Davide Rossiconducono dai templi di calcio, tennis e nuoto a Maxxi e Auditorium Parco della Musica, a Villa Glori. Insieme a Ponte Milvio è la meta di centinaia di romani, e quando c’erano turisti, a passeggio per le strade di Roma nord. La caratteristica inclinazione dei due archi rispetto al piano verticale e l’assenza di un loro collegamento orizzontale nella zona sovrastante l’impalcato ne rende leggera l’immagine architettonica. È affascinante il Ponte della Musica, l’illuminazione serale lo valorizza ancora di più. Peccato però per quello scenario di degrado e abbandono che lo circonda: bulloni spariti, tavole della passerella in legno spaccate o logore. Continue reading

SAN LORENZO: AL VIA GLI SGOMBERI DELL’EX CINEMA PALAZZO

Sgombero Nuovo Cinema Palazzo-2Alba di sgomberi a Roma. Blindati della polizia si sono piazzati alle prime luci del giorno davanti al Cinema Palazzo occupato a San Lorenzo ed alla sede di Forza Nuova di via Taranto. Numerosi gli agenti in assetto antisommossa che hanno cominciato le operazioni di liberazione dei due immobili.  Al Cinema Palazzo in piazza dei Sanniti i frullini della polizia hanno cominciato a tagliarele porte di ingresso allo stabile occupato. Immediato il tam tam sui social con la richiesta di aiuto da parte degli attivisti: “Svegliamoci Roma, Svegliamoci San Lorenzo. La prepotenza è arrivata col buio e ha occupato il Cinema Palazzo e Piazza dei Sanniti. Ora sta uscendo il sole e oggi non abbiamo niente di più importante da fare che dimostrare che non ci stiamo. Portate con voi creatività, energie, forza e pazienza. Sarà una giornata lunga abbiamo tutto il tempo di dare il nostro contributo. Da adesso in poi ci vediamo a Via degli Ausoni sotto il Pastificio Cerere. “…ognuno di noi deve dare qualcosa in modo che alcuni di noi non siano costretti a dare tutto”. In contemporanea è in corso lo sgombero della sede di Forza Nuova in via Taranto 52, nella zona di San Giovanni. Sul posto il Reparto Mobile della polizia di Stato. Fonte: Romatoday

PIAZZA MINCIO: LA FONTANA APPENA RESTAURATA PENDE DA UN LATO

PIAZZA MINCIOLa Fontana delle Rane, in piazza Mincio, nel cuore di Coppedè è fresca di restauro ma già ha problemi. Da un lato il bordo appare più basso e l’acqua fuoriesce dalla vasca. Un danno causato da un vandalo entrato col motorino nella fontana? Il video sta impazzando sul web nelle ultime ore, eppure, dicono da Welcome To Favelas, la pagina Instagram che l’ha pubblicato, per poi rimuoverlo: “Si tratta di una clip vecchia, addirittura di due o tre anni”. E alla polizia locale, confermano dal II Gruppo, non sono arrivate segnalazioni indignate. Che accade, dunque, alla storica fontana ideata nel 1924 da Gino Coppedè (che dà il nome al quartiere)? Continue reading

IPOTESI FLAMINIO PER IL NUOVO STADIO DELLA ROMA

stadio-romaDopo aver quasi del tutto accantonato il progetto miliardario di Tor di Valle, anche in seguito alla consulenza di JP Morgan che ha sconsigliato l’investimento in quell’opera, le preferenze della famiglia Friedkin ora pendono verso il trasloco al Flaminio. Lo stesso stadio che ospitò i giallorossi nella stagione 1989/90, visti i lavori all’Olimpico in vista del Mondiale di Italia ’90. Un’idea suggestiva e di certo più sostenibile in termini economici che il club giallorosso sta analizzando con attenzione. Il progetto sarebbe quello di aumentare la capienza a 45.000 posti a sedere, per un costo complessivo dell’opera di circa 350 milioni. Circa un terzo rispetto allo sforzo previsto per Tor di Valle. Per il Flaminio la Roma guarda al modello Juventus. Prima di realizzare lo Stadium sulle spoglie del Delle Alpi, i bianconeri hanno ottenuto una concessione a 99 anni del diritto di superficie dei terreni su cui sorge l’impianto da parte del Comune. Continue reading

AUDITORIUM: “MANIFESTI D’ARTISTA. 1522 – ROMA PER LE DONNE”

FANY_ DanzandoNICOTRA_Solidarietà rosaÈ partita ieri l’iniziativa “Manifesti d’artista. 1522 – Roma per le donne” promossa da Roma Capitale. Sono 20 manifesti realizzati dalle studentesse e dagli studenti delle Scuole e Accademie di Arte di Roma con il claim “Scelgo la libertà”, selezionati attraverso una call pubblica, esposti e fruibili in modalità digitale sui siti di Roma Capitale e Fondazione Musica per Roma. Successivamente i manifesti d’artista verranno esposti in mostra dal 7 al 13 dicembre 2020 presso il colonnato esterno dell’Auditorium Parco della Musica. La mostra in questi giorni viene inaugurata in modalità on line nel rispetto delle normative anti-Covid.

AMUSE E ROMA H24 COLLABORANO PER PARLARE DEL TRIESTE-SALARIO

Logo_Amuse 251x72 base colorataÈ iniziata la collaborazione tra Amuse e Romah24, la testata giornalistica la cui forza è l’informazione di prossimità in tutta Roma Nord, e che affiancherà Amuse nella promozione della propria attività sui quartieri del II Municipio. Romah24  pubblica notizie, informazioni, iniziative, appuntamenti e approfondimenti per numerosi quartieri delle zone di Prati, Montesacro, Flaminio-Parioli, Trieste-Salario, fornendo aggiornamenti in tempo reale, notizie di cronaca e segnalazioni. La testata giornalistica è regolarmente registrata Logo-Romah24presso il Tribunale di Roma (Registrazione n. 34/2018 del 22 febbraio 2018) edita da Typimedia (www.typimedia.it) società di comunicazione ed editoria fondata da Luigi Carletti (presidente) e Edoardo Fedele (amministratore delegato). Chi dei nostri soci e delle nostre socie fosse interessato a conoscere le loro campagne di branding, tese a sostenere l’immagine della propria attività professionale, commerciale o imprenditoriale, può contattare direttamente Daniele Galli, publisher di Typimedia. Questi sono i suoi contatti: comunicazione.com@typimedia.it | mob. 377.9972300.

“BACK TO NATURE” A VILLA BORGHESE

Back to Nature 1

 

In uno dei parchi storici più famosi e amati di Roma è sempre possibile visitare Back to nature. Arte Contemporanea a Villa Borghese, un percorso con installazioni d’arte contemporanea di artisti di fama internazionale. L’inedito progetto espositivo riflette sul futuro e sulla necessità di costruire un nuovo rapporto con la natura, in questo complicato periodo di cambiamenti climatici e di pandemia.

MUSEO BILOTTI: “CRUOR”, SULLA DISCRIMINAZIONE DI GENERE

Renata-Rampazzi.-CRUOR.-Exhibition-view-at-Museo-Carlo-Bilotti-Aranciera-di-Villa-Borghese-Roma-2020.-Photo-Eleonora-Cerri-Pecorella-696x464Oggi, in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne 2020, sarà pubblicato sulla pagina Facebook @MuseoCarloBilotti e su Instagram @museiincomuneroma, il video realizzato da Giorgio Trevese che racconta la genesi e i significati profondi della mostra Cruor di Renata Rampazzi, a cura di Claudio Strinati, in corso dallo scorso 17 settembre al Museo Carlo Bilotti. L’artista si batte sin dagli anni Settanta per la parità delle donne e la loro emancipazione, traducendo nei suoi quadri la forza della denuncia contro la discriminazione di genere.

SAN LORENZO: “INSIEME”, MOSTRA ALLE MURA AURELIANE

INSIEME mostra sulle Mure AurelianeSono 19 artisti che espongono le proprie opere sulle Mura Aureliane visibili fino al 30 novembre. La mostra “Insieme” è nata dall’idea dell’artista Giani Politi che ne ha curato la scelta, con il coordinamento di Matteo D’Aloja. Si tratta di un’ottima idea che presenta 19 artisti contemporanei che arricchiscono le Mura Aureliane da via di Porta Labicana, creando un dialogo tra monumento e contemporaneo, visibili a tutti, con il condimento delle immagini di D’Aloja.