“IL SEGNO DI VENERE”, LOCATION: PINCIO, VIALE LIBIA E DINTORNI

franca valeri a viale libia“Il segno di Venere” è un film del 1955 di Dino Risi, rivisto tante volte in tv. Cast d’eccezione: Sofia Loren, Franca Valeri, Raf Vallone, Tina Pica, Vittorio De Sica, Alberto Sordi, Peppino De Filippo, Maurizio Arena, Leopoldo Trieste. Secondo la recensione del Dizionario Mereghetti «il film non ha una vera progressione narrativa e le scene servono soprattutto a mettere in evidenza l’abilità dei singoli piazza santa emerenziana il segno di venereattori, ma in certi momenti la comicità è davvero irresistibile». Per il Dizionario Morandini il film è «raccontato con garbo, recitato con discrezione, forbito di situazioni divertenti e di un dialogo spiritoso con un pizzico di farsa».  Le due protagoniste (Loren e Valeri) abitano a viale Libia e molte scene riprendono la strada, il civico d’ingresso, ma anche il locale di Romoli e piazza Santa Emerenziana; una scena di ALBERTO SORDI (PRIMO A SINISTRA) IN UNA SCENA DE 'IL SEGNO DI VENERE' AL PINCIOgruppo si svolge sul terrazzo del Pincio. Infine, possiamo ricordare la scena in cui Alberto Sordi e Franca Valeri si trovano in un bar a via di Priscilla: lo stesso bar – che oggi è un locale cinese – è stato utilizzato per una scena del film “I tartassati”, in cui ad Aldo Fabrizi viene rubata una borsa con preziosi documenti dal commercialista di Totò.

 

LE STORIE CHE HANNO SEGNATO LA VITA DEI PARIOLI E NON SOLO

monte_parioliRiprendiamo un vecchio e interessante articolo de Il Foglio, pubblicato nel maggio 2016, dal titolo “Sole che sorge sui Parioli”, in cui troviamo tante storie e personaggi che hanno segnato nel bene e nel male la vita dei nostri quartieri.

Succede ai Parioli. Già quartiere per generoni affluenti, fascini discreti delle borghesie, poi sottoposto a damnatio memoriae, crollo dei prezzi, fuga dei cervelli; e popolazioni solo filippine, dicono i detrattori. Eppure, tanti movimenti sotterranei, e qualche avventura, non solo immobiliare. Sul fronte pinciano, verso villa Borghese, ecco palazzi di suprema eleganza londinese, di proprietà GINEVRA ELKANNBrachetti-Peretti, ove alloggiano nuovi arrivi; Ginevra Elkann, passione cinematografica, in un attico che guarda i meglio pini di Roma (quando è a Roma), mentre più giù, l’appartamentone della marchesa Giovanna Sacchetti appena rilocata qui ai Parioli con un’operazione immobiliare che ha destato scalpori; ha venduto infatti il piano nobile di palazzo Sacchetti in via Giulia, cartolarizzando un mito; progettato dal Sangallo e affrescato da Pietro da Cortona. Lì furono girate molte scene della “Grande bellezza”di Paolo Sorrentino, quelle malinconiche in cui i finti “Colonna di Reggio” abitavano un sottoscala, salendo a rimirare i saloni inserendo una monetina nell’apposita gettoniera. La marchesa Sacchetti invece per niente spiantata ha venduto per 30 milioni al finanziere gentiluomo Robert de Balkany già marito di Gabriella di Savoia, che ha fatto appena in tempo a buscaglione_01pagare, e a spirare (ma non a traslocare). Ma ai Parioli la marchesa si trova benissimo, coi padroni di casa squisiti Brachetti-Peretti (a Roma qualcuno sbaglia e li chiama “braghetti”, Laura Laurenzi scrisse un pezzo sul “Giardino dei finti contini”, circa un titolo comitale dubbio, però il loro villino non distante da qui è come si dice prestigioso, e con rara piscina). La marchesa è entusiasta, a parte i complicati pertugi del palazzo, per cui talvolta alcuni giovani ospiti Elkann si ritrovano in un burraco di matrone; ma sono cose che capitano, ai Parioli. O almeno da questa parte, du côté del Pinciano, avamposto araldico del quartiere: qui per esempio vive e grandiosamente opera Carlino Perrone, conte di San Martino, gentiluomo torinese-romano casati-stampagià proprietario del Secolo XIX, già precedentemente fuso con la Stampa e oggi dunque azionista con il 5 per cento del colosso “Stampubblica”, un 5 per cento che vale come quarto di nobiltà; sangue blu di editore oltretutto puro, e antico: il papà era proprietario del Messaggero che dopo fu venduto a Franco Caltagirone; l’editore impuro abita invece qualche centinaio di metri più giù, in un villone enorme chiamato “I tre delfini”, con cancellate ittiche perché in precedenza dei Parodi appunto Delfino; villone si dice sempre tiepidino d’inverno per sensibilità a bollette troppo alte, nonostante la quota importante di famiglia nel gestore Acea. Da questa villa – duemila metri quadri, la più misterica di Roma, un audrey con il figlio lucatempo era un convento di suore, con celle e segrete, ceduta poi ai Parodi e poi ai Calta – uscì in sfortunate circostanze Luisa Farinon, moglie di Franco e sorella della più nota conduttrice Gabriella, già “viso d’angelo” televisivo; un filippino – chi altri, da queste parti – sbroccò, portandosi via la signora, che fu poi recuperata fortunosamente in Slovenia, e il filippino prontamente suicida. Continue reading

ABITAVA IN VIA SALARIA UMBERTO BARBARO, SAGGISTA E CRITICO

BARBAROUmberto Barbaro (Acireale, 3 gennaio 1902 – Roma, 19 marzo 1959) è stato un critico cinematografico e saggista italiano che ha abitato in via Salaria al civico 72. Barbaro è stato attivo in molti campi: narrativa, drammaturgia, cinema, critica e storia dell’arte figurativa. Nel 1923 è direttore della rivista La bilancia e collabora con Dino Terra, Vinicio Paladini e Paolo Flores. Nel 1927 è tra gli animatori del Movimento Immaginista, corrente “di sinistra” del Futurismo, attenta all’evoluzione culturale in Francia, America, Russia e Germania. È al fianco di Anton Giulio Bragaglia nella iniziativa del Teatro degli Indipendenti, a Roma. Conoscitore della lingua russa e tedesca traduce opere di Heinrich von Kleist, Michail Bulgakov e Frank Wedekind. È giornalista, saggista, novelliere e i suoi scritti appaiono in numerose riviste del tempo. Continue reading

FARE IL TEST PER IL COVID NEL MUNICIPIO? ECCO DOVE

CORONAVIRUSDove è possibile fare il test antigenico per il Covid-19, a 22 euro, nel nostro territorio? Sul proprio sito, la Asl Roma 1 ha pubblicato tutte le cliniche e le case di cura convenzionate. Ma qual è la differenza con gli altri esami attualmente disponibili per rilevare l’infezione al virus? A chiarirlo è il Ministero della Salute con una circolare del 29 settembre: – test molecolari o Pcr, o più semplicemente i tamponi, che evidenziano la presenza di materiale genetico (Rna) del virus; – test antigenici, che evidenziano la presenza di componenti (antigeni) del virus; – test sierologici tradizionali o rapidi, test che evidenziano la presenza di anticorpi contro il virus. Ecco l’elenco completo, a partire dal Trieste-Salario e vie limitrofe: Continue reading

MAXXI: TRA ARCHITETTURA E TEATRO “FAUST O DEL TRAVESTIMENTO”

MAXXIDomani al Maxxi ,ore 18, “Faust o del travestimento”,
un progetto tra teatro e architettura contemporanea. L’evento si inserisce all’interno del progetto “Travestimento e dissimulazione della traduzione” nell’ambito del Progetto Speciale Triennale Mibact 2018/2020 che il regista Marco Lucchesi realizza con le attrici e gli attori della Scuola di Teatro e Specializzazione Professionale del Teatro di Roma, in collaborazione con il Maxxi – Museo nazionale delle arti del XXI secolo, il Conservatorio Santa Cecilia, l’Istituto della Enciclopedia Italiana Treccani. Nel 2020 il regista lavora con gli attori specializzandi sul testo Faust. Continue reading

TUTTE LE REGOLE DEL NUOVO DPCM

CONTEIl nuovo Dpcm con le regole Covid è stato firmato poco prima dell’una di notte dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte e dal ministro della Salute Roberto Speranza. La firma è arrivata dopo aver ricevuto un riscontro sul testo finale del governo dalle Regioni, che avevano chiesto un rinvio a oggi. Le misure anticontagio saranno valide per un mese, fino al 13 novembre 2020. Ma gli enti locali chiedono anche aiuti per le imprese colpite. Il dpcm 13 ottobre è stato firmato dal presidente del consiglio Giuseppe Conte dopo la mezzanotte. Di qui l’entrata in vigore a far data da domani 14 ottobre. Continue reading

MACRO DI VIA NIZZA, UN EVENTO PER DUE GIORNI

macroDalle ore 18 del 29 ottobre alle ore 18 del giorno dopo, un evento della durata di 24 ore. Gli spazi saranno attraversati da un palinsesto dedicato a esplorare nuove topografie, richiamando l’analisi compiuta da Ettore Sottsass nel visionario e iconico Il Pianeta come Festival pubblicato nel 1972 su Casabella. Il progetto si declina secondo i campi di ricerca che contraddistinguono Terraforma, ovvero il linguaggio sonoro, l’architettura e la sostenibilità ambientale, che in questo caso si espandono temporaneamente all’interno della piattaforma sperimentale di Museo per l’Immaginazione Preventiva.

RINO FABIANO: IL MUNICIPIO DI OGGI E QUELLO DI DOMANI

fabianoAlcune riflessioni di Rino Fabiano, assessore all’Ambiente Verde e Sport del Municipio II: “La mia esperienza/conoscenza diretta delle problematiche relative ai rifiuti e al funzionamento ( non ) della raccolta, dopo 4 anni mi impongono alcune considerazioni. La prima è che anche questa Consiliatura è passata senza che i Municipi possano, ancora una volta, mettere bocca sul contratto di servizio e possano quindi suggerire a Roma Capitale e ad Ama le reali esigenze dei propri territori. Ancora una volta i Municipi sono stati relegati allo svilente ruolo di passacarte (segnalazioni ) e di connettori della rabbia delle persone per i mancati servizi erogati. Non c’è nessun parere esprimibile dai Municipi che possa vincolare il contratto di servizio Ama. Questo non va assolutamente bene , questo dovrà assolutamente cambiare. Continue reading

L’ECCELLENZA DI PASTIFERO IN VIA ALESSANDRIA E VIALE PARIOLI

pastifero 6pastifero 1pastifero 2pastifero 3pastifero 5pastifero 7pastifero 4Pastifero – Pastai in Roma fa pasta fresca lavorata a mano & vendita di prodotti di eccellenza (pastifero.2019@gmail.com) e si trova in via Alessandria 110 C/D, tel. 06 89014218. Ma lo puoi trovare anche in viale Parioli 69, all’altezza di piazza Santiago del Cile, dove è anche ristorante. Da Pastifero tanti prodotti di eccellenza & qualità. Vai dunque a scoprirli in negozio o contatta Pastifero (cell. 3489654936) che, se vuoi, porterà i prodotti scelti direttamente a casa tua. Alcuni esempi: tartufo d’estate (Tartuflanghe) un prodotto unico nel suo sapore per impreziosire le tue creazioni – i tagliolini tagliati al coltello di Pastifero, perfetto connubio per un piatto estivo dalla qualità eccellente – olio di oliva di categoria superiore ottenuto direttamente dalle olive e unicamente mediante procedimenti meccanici – Jamon de Bellota, nella campagna intorno a Salamanca @jamonblasquez, produce uno tra i migliori prosciutti iberici al mondo, capace di soddisfare anche il più esigente dei palati: Patanegra. Solamente il meglio sulla tua tavola, selezione giornaliera dei prodotti di eccellenza che il mercato offre: le uova di Parisi, un prodotto unico, di qualità superiore, dal gusto diverso rispetto alle altre uova tradizionali e, naturalmente, oltre alla pasta  anche tortellini, agnolotti, ravioli e quant’altro. Buon appetito!