FLAMINIO: LASCIATA MARCIRE LA SCULTURA DI MARIO CEROLI

viale tiziano scultura ceroliUno dei tanti autogol di Roma, che troppo spesso lascia andare in malora la sua arte, antica e moderna. Al Flaminio, l’occhio dei residenti è quasi assuefatto al degrado, altri ancora provano rabbia: sono ormai cinque anni che la monumentale scultura Goal, alta 16 metri e mezzo, realizzata da Mario Ceroli nel 1990 ed esposta in occasione dei Mondiali di calcio all’Eur per poi esser collocata in viale Tiziano, versa nel più completo abbandono. Davanti al palazzo del Coni, tra il palazzetto dello sport di Nervi (anch’esso abbandonato) e l’auditorium di Renzo Piano, poco distante dall’altro scempio, quello dello Stadio Flaminio, si erge quel che resta dell’opera. Fonte: il Messaggero

VIA DI NOVELLA: UN ALBERO SI ABBATTE SU UNA MACCHINA

Decine di alberi caduti, raffiche di vento sino a 50 chilometri orari. È stato un venerdì di super lavoro per i soccorritori alle prese con molteplici interventi in tutti i quadranti della Capitale. A vivere dei momenti di apprensione quattro ragazze che si sono viste un albero cadere sopra l’auto nella quale si trovavano in via di Novella, zona Salario, poco distante VIA DI NOVELLAda Villa Ada. Problemi anche ai mezzi di trasporto con disagi per gli utenti della Roma-Lido e la Roma-Viterbo. In particolare verso le 19:00 i vigili del fuoco e gli agenti della municipale sono intervenuti in via di Novella dove un grosso pino marittimo è caduto sulla sede stradale danneggiando quattro vetture oltre al muro di cinta del cortile di una delle abitazioni circostanti.

QUANDO ENNIO FLAIANO ABITAVA IN VIA ISONZO

 Scriveva un po’ di anni fa Gianfranco Angelucci, critico cinematografico, regista e sceneggiatore, a proposito di Ennio Flaiano: “Così periodicamente, più volte la settimana, andavo a trovarlo al residence di via Isonzo in cui abitava, nel quartiere Pinciano; un fabbricato moderno, funzionale e anonimo, incastonato tra i palazzi liberty e umbertini di quella zona elegante, dove aveva traslocato dal suo appartamento di via Nomentana, a Montesacro. In quella minuscola suite non doveva pensare più a nulla, la mattina le cameriere gli riordinavano rapidamente l’ambiente, e poteva scrivere senza disturbo sulla sua imponente Ibm a testina rotante, appoggiata sull’unico tavolo rotondo previsto dall’arredamento. In sottofondo, spesso, la musica di Mozart che amava incondizionatamente”.

E JOAQUIN NAVARRO-VALLS S’INCROCIAVA IN VIA TEVERE

NAVARRO VALLSIl suo nome resterà nella storia vaticana e in quella della comunicazione. Joaquín Navarro-Valls, morto il 5 luglio 2017 all’età di 80 anni, dopo una lunga malattia vissuta con grande discrezione, è stato lo storico portavoce di San Giovanni Paolo II. Chiamato inaspettatamente a quel ruolo, nel 1984, resterà alla guida della Sala Stampa della Santa Sede fino al 2006, due anni dopo la morte del “suo” Papa polacco e l’elezione di Benedetto XVI. Wojtyla, che prima di allora non lo conosceva personalmente, gli chiese di curare la comunicazione del Vaticano invitandolo una sera a cena nell’appartamento privato, nella terza loggia del Palazzo Apostolico. Navarro-Valls rimase spiazzato dalla richiesta, ma accettò. Ne nacque un binomio formidabile tra il Papa polacco e il suo portavoce. Navarro Valls ha abitato per molti anni dalle parti di via Tevere, in un palazzo del Vaticano. Gli abitanti del quartiere lo incrociavano spesso per strada o alla palestra di piazza Alessandria e, ancora, all’allora negozio di barbiere in via Isonzo.

SAN LORENZO: AL VIA IL PERCORSO DI PARTECIPAZIONE

BB Roma San LorenzoPrende il via oggi, con una presentazione pubblica che si terrà nei giardini di piazzale del Verano alle 17:30, la prima fase del Percorso di partecipazione mirato a individuare le strategie per il recupero e la valorizzazione dell’area di via dei Lucani, nel quartiere San Lorenzo, nel territorio del Municipio Roma 2. Il percorso proseguirà poi con due workshop all’interno dei quali lavorando in piccoli gruppi –in presenza e on-line– si procederà all’analisi dei bisogni espressi dai cittadini e alla formulazione delle linee guida per la progettazione pubblica dell’area. Per allargare il più possibile la platea dei partecipanti al percorso di partecipazione e coinvolgere un maggior numero di cittadini ci sarà anche la possibilità di rispondere ad un questionario che sarà successivamente attivato on-line. Tutte le informazioni, la documentazione, gli approfondimenti e successivi esiti saranno disponibili nella sezione dedicata del sito Web dell’Urbanistica

BREVE STORIA DI VALLE GIULIA

VALLE GIULIAValle Giulia è una zona centrale di Roma, tra Villa Borghese e la collina dei Parioli, una piccola valle dove ancora oggi è collocata Villa Giulia, oggi sede del Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia, dal nome di papa Giulio III, opera del Vignola. L’assetto attuale della valle deriva, in larga misura, da quello che le fu dato in occasione dell’Esposizione Universale del 1911: vi sorge la Galleria Nazionale d’Arte Moderna, opera di Cesare Bazzani, edificata per l’occasione. A partire dal 1911, proseguendo poi nei VALLE GIULIAperiodi successivi, ha avuto luogo la localizzazione nell’area di molti istituti di cultura di paesi esteri, come la Gran Bretagna, il Belgio, il Giappone, la Romania. Alle pendici della collina che prospetta la valle ha sede la prima facoltà italiana di Architettura, inaugurata dalla Sapienza nel 1920 ed ancora oggi esistente. Il 1º marzo 1968 l’area attorno alla Facoltà di Architettura fu teatro di gravissimi scontri tra studenti e forze dell’ordine, dando vita alla celebre battaglia di Valle Giulia, ricordata come uno degli avvenimenti più importanti del sessantotto italiano

AUDITORIUM, STASERA BRYCE DESSNER

Bryce Dessner e le sorelle Labèque all’AuditoriumStasera, Bryce Dessner e le sorelle Labèque all’Auditorium. Fondatore e chitarrista dei National e Grammy Award come miglior compositore classico, Bryce Dessner è affiancato sul palco dalle sorelle Katia e Marielle Labèque e dal Parco della Musica Contemporanea Ensemble diretto da Tonino Battista. Il concerto si inserisce nel cartellone di RomaEuropa Festival e attraversa le creazioni più famose dell’artista: da “St. Carolin by The Sea” a “Wires”, fino a “Concert for Two Pianos”. Sala Sinopoli viale Pietro de Coubertin 30, tel. 06-80241281.

LA NUOVA COOP DI VIA RIETI

COOPA via Rieti ha appena aperto da qualche tempo un nuovo supermercato: è la Coop che fa parte della Tirreno. Il negozio ha vari reparti: ortofrutta, gastronomia, carne, pane e pasticceria, salumi e latticini, prodotti salutistici e biologici, per la cura della casa e della persona. Ma si vendono anche libri di testo, nuovi e usati. Insomma, provare per credere. E poi, attenzione, prezzi bloccati fino al 30 settembre dei prodotti a marchio Coop. Fate, allora, un salto in via Rieti 12.

CASTRO PRETORIO: DOMENICA APERTA LA BIBLIOTECA NAZIONALE

BIBLIOTECA NAZIONALELa Biblioteca nazionale centrale di viale Castro Pretorio sarà aperta domenica 27 settembre dalle 9 alle 19 in occasione delle Giornate europee del patrimonio. Sarà possibile fare richiesta di volumi in lettura o in prestito direttamente dalle postazioni interne alla Biblioteca, dalle 10 alle 17:30, e non sarà attivo il servizio di prenotazioni online. Nel rispetto delle normative anti Covid l’ingresso sarà consentito ad un massimo di 100 utenti.