SOCIALE: INIZIATIVA ANTI-SPRECO NEI MERCATI DEL MUNICIPIO II

locandinaBella iniziativa nel municipio. Insieme all’assessora Carla Fermariello, in collaborazione con la Comunità di Sant’Egidio e i Mercati del territorio, è stato promosso il progetto “banchi in tavola”. L’iniziativa del Municipio Roma II ha l’obiettivo di rimettere in circolo la frutta e la verdura in eccedenza alla chiusura dei mercati ortofrutticoli. Ogni sabato i volontari raccoglieranno gli alimenti donati dagli operatori e li distribuiranno gratuitamente alle famiglie in difficoltà del territorio.

MAXXI: ESTATE IN MUSICA A MEDITERRANEO

Electronic Music Division

 

Ha inaugurato da pochi giorni Mediterraneo. Giardino e Ristorante al Maxxi. Uno spazio accogliente dove mangiare dalla mattina alla sera e accompagnati da buona musica e da eventi culturali per tutta l’estate. Domenica 7 giugno l’appuntamento è con Electronic Music Division. Tutte le domeniche saranno dedicate alla musica classica, acustica ed elettronica con performance dal vivo.

ISTITUTO GIAPPONESE: ONLINE UN FILM DI UEDA SHINICHIRO

istituto giapponeseOggi, ore 14, online su Zoom.Us, il film in versione originale con sottotitoli in italiano  “Zombie contro zombie. missione da remoto!” (Kamera wo tomeruna! Rimoto daisakusen!, 2020, 28′) di Ueda Shinichiro, in collegamento diretto dal Giappone, per una esclusiva intervista. La partecipazione online il registaall’incontro con il regista – con la possibilità di rivolgergli qualche domanda in chat – e alla proiezione del film sarà a numero chiuso fino al raggiungimento di un massimo di 100 partecipanti, ammessi in ordine cronologico di ricezione delle richieste da inviarsi a eventi@jfroma.it. L’evento è organizzato dall’Istituto Giapponese di via Gramsci.

CASINA DI RAFFAELLO, SFIDE CULINARIE SUL WEB

CASINA RAFFAELLO 2Casina di Raffaello: nel fine settimana bambini e adulti potranno divertirsi da casa partecipando alla prima sfida del contest di cucina creativa Mamma oggi cucino io!, lanciato dallo spazio arte e creatività. Dedicato al tema dell’alimentazione e rivolto ai bambini dai 4 ai 12 anni, il contest si avvale del contributo scientifico di Technotown e della collaborazione del Centro Agroalimentare di Roma (Car). Sono previste in totale quattro sfide nelle categorie: Colazioni Artistiche; Merende d’Autore; Pic Nic Speciali; Gelati Spaziali. Per partecipare alla prima sfida nella categoria Colazioni Artistiche, basta andare sulla pagina facebook di Casina, guardare la video ricetta Realizziamo un pancake con lo CASINA RAFFAELLOyogurt e la frutta fresca a cura del Car, e poi realizzarla. Una volta preparata, i piccoli chef dovranno “impiattare” la creazione culinaria in maniera artistica e inviare la foto alla email info@casinadiraffaello.it entro le 12 di mercoledì 10 giugno. Le foto pervenute verranno tutte pubblicate sulla pagina facebook di Casina di Raffaello. Vincerà per ciascuna categoria chi riceverà più like. Nell’ambito del contest, domenica 7 alle 17, sulla pagina facebook di Technotown, si potranno scoprire tante curiosità sulle proprietà chimiche degli alimenti utilizzati durante la sfida guardando il video a cura dello stesso Technotown A colazione con mr. Lactobacillus il fabbricatore di yogurt. Tutte le info sul sito web www.casinadiraffaello.it e sulla pagina Facebook.

TECHNOTOWN DIGITAL, PER DIVERTIRSI DA CASA

technotownNell’ambito delle divertenti sfide ludico-creative a distanza proposte dallo spazio dedicato alla creatività e alla scienza oggi si potrà partecipare da casa, singolarmente o in squadra, alla sfida Invenzioni, Tecnologie, Opere d’Arte, una versione riveduta e corretta del classico gioco “Nomi, cose e città”. I partecipanti si sfideranno a comporre le lettere delle parole scelte utilizzando oggetti trovati in casa. Tutte le info per partecipare alla sfida e tanti altri contenuti digital, curiose rubriche e appassionati tutorial si trovano sul sito www.technotown.it.

FASE 3: L’ORDINANZA SUGLI ORARI DEI NEGOZI (TORNANO PRECOVID)

VIRGINIA-RAGGISi allargano le maglie degli orari di apertura e chiusura degli esercizi commerciali. La nuova fase 3 del coronavirus, dato il quadro positivo sanitario riscontrato, ha permesso al Comune di modificare le fasce definite a metà maggio. La sindaca Raggi ha firmato una nuova ordinanza, che esclude dai limiti orari quelle attività la cui clientela è particolarmente concentrata in determinati momenti della giornata.  Sono quindi esclusi dalla disciplina del provvedimento i laboratori di prodotti alimentari (ad esempio gelaterie, pizzerie al taglio, pasticcerie, rosticcerie), i negozi di ferramenta e di rivendita di materiale edile, prodotti di termoidraulica, bricolage e vernici. Idem per acconciatori ed estetisti, i cui clienti restano più a lungo all’interno del negozio e necessitano quindi di orari prolungati, e per le attività di autoriparazione come le autofficine (meccanici, elettrauto, carrozzieri, gommisti), e le concessionarie auto con laboratorio di riparazione e assistenza, anche al fine di supportare in questa fase la possibilità di utilizzo di mezzi privati per effettuare gli spostamenti per lavoro o altra necessità. Continue reading

MUSEI: PRIMA DOMENICA DEL MESE CON INGRESSO GRATUITO

musei_civici_aperti_prima_domenica_mese_d0Domenica 7 giugno si riparte anche con la prima domenica con ingresso gratuito per tutti nel Sistema Musei in Comune di Roma Capitale. Tutti, previa prenotazione obbligatoria allo 060608, potranno accedere gratuitamente nei Musei Civici, di nuovo aperti al pubblico dopo il lungo periodo di chiusura dovuto all’emergenza sanitaria. Aperte MIC CARDnuovamente anche le aree archeologiche dei Fori Imperiali (ingresso dalla Colonna Traiana e uscita dal Foro di Cesare su via dei Fori Imperiali) dalle 08.30 alle 19.15 (ultimo ingresso 18.15) e del Circo Massimo (a esclusione di Circo Maximo Experience) dalle 9.30 alle 19 (ultimo ingresso ore 18). Le visite saranno effettuate nel rispetto delle linee di indirizzo della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, per la prevenzione del Covid 19. E’ obbligatoria per tutti la prenotazione allo 060608. Si potrà accedere solo al proprio turno di ingresso, esibendo la prenotazione digitale o cartacea e solo dopo la rilevazione della temperatura corporea che deve essere inferiore ai 37.5°. Continue reading

VILLA BORGHESE, IL PINCIO, PORTA PIA E SAN LORENZO IN MUSICA

Ma il cielo è sempre più bluIn parecchi hanno cantato i luoghi del nostro municipio. Potremmo cominciare da Rino Gaetano che in “Ma il cielo è sempre più blu” dice Chi ama la zia, chi va a Porta Pia che poi era lungo la strada che percorreva sempre, anche l’ultima notte della sua vita, visto che abitava sulla Nomentana. Non manca Antonello Venditti che in “C’è un cuore che batte nel cuore di Roma” intona Io esco di casa Ed è già mattino E Villa Borghese È ancora un giardino per poi spostarsi verso corso Trieste e inneggiare, nell’omonima canzone, al liceo più famoso d’Italia, Eravamo C’è un cuore che batte nel cuore di Romatrentaquattro quelli della terza E… Qui davanti a te Giulio Cesare. Il Principe rivale, Francesco De Gregori, in “San Lorenzo” ricorda un giorno tragico Cadevano le bombe come neve, il 19 luglio a San Lorenzo sconquassato il Verano dopo il bombardamento tornano a galla i morti e sono più di cento. Sempre lui in “Per le strade di Roma” parla di un’alba poco alba E spunta il sole sui terrazzi della Tiburtina E tutto si arroventa e tutto fuma. “Addirittura Max Pezzali, recentemente, con “In questa città” confessa Era meglio se scendevo prima a Tiburtina siamo in In questa cittàmille e i taxi forse solo una decina. E torniamo a Villa Borghese: la cantano in tanti. I cugini di campagna in un’esplicita “Villa Borghese” cinguettano in romanesco Villa Borghese… quant’innamorati sotto quei lampioni; quante strette ar core. Villa Borghese… su quel letto d’erba, ancora senza barba, chi ‘tte scorda più! Villa Borghese… quelle pomiciate, sopra le panchine, senza prenne fiato. Villa Borghese… quarche vorta a scola se faceva sega, pè venì da te. Pure negli anni Cinquanta, una stella della radio di allora, Jula De Palma, si cimenta in Vecchio pino di Villa Borghese “Vecchio pino di Villa Borghese” e ricorda i tempi della gioventù quando con i rami le coppie hai coperto, riferendosi alla villa. E andando ancora indietro nel tempo, addirittura nel 1924, Ottorino Respighi compone I pini di Roma, poema sinfonico il cui primo movimento, chiamato “I pini di Villa Borghese”, descrive bambini rumorosi che giocano ai soldati e marciano nella pineta. Musica norvegese, per la voce di Alexander Rybak, afferma Jag lyssnar till trädens sånger I parken en dag i april, ossia Ascolto le canzoni nel parco in un giorno d’aprile. Tal Peppe Cairone, LA FIORAIA DEL PINCIOchitarrista classico, con il solo strumento, in un brano di quasi cinque minuti e mezzo esalta pure lui “Villa Borghese”. Un altro strumentista, questa volta con la tromba – aiutato da piano, basso e batteria – si cimenta per un quarto d’ora in una “Villa Borghese” jazzata. “La fioraia del Pincio” è un’interpretazione della grande Anna Magnani nel film “Siamo donne”: Quante macchine venivano la sera, quanta gente qua affacciata a sta ringhiera, quanta folla de maschiette e de gagà, quante radio ne le macchine a sonà. Nu I Cani Corso Triestescennevano le coppie innamorate se ne stavano abbracciate a pomicià, er barista je portava la guantiera cò’ la bira e cor caffè che allora c’era. Ogni Topolino me pareva un separè… la terazza era un salotto ed ogni sera me pareva una stellata bomboniera. Ci sono pure I Cani con “Corso Trieste” che per la verità non è mai citato, al di là del titolo, ma tant’è: Padri stanchi tornano a casa dal lavoro in moto. È quasi buio, soltanto luci verdi e rosse ed arancioni e gialle. E sotto gli alberi non fanno luce neanche quelle. Il Canzoniere del Lazio interpreta in dialetto “O silvestri Roma Roma” città tanto cara dove se magna se beve (poco) e se paga eee si c’è qualche disoccupato che nun ha magnato ce stà’l cosimato c’è villa borghese pe annà a digerì regina coeli pe annacce a dormì. Daniele Silvestri nella recentissima “Bio-Boogie”, tratta da Acrobati, accenna alla Stazione Tiburtina Con l’olio ma del motore ce condivo l’insalata che me dava lo zozzone coltivata alla stazione Tiburtina. Manco con la varecchina je tojevi quella patina giallina. E chiudiamo questa carrellata con “La canzone dei bersaglieri”: La battuta de Porta Pia l’hanno vinta li bersajeri, quelli boja de li stranieri li volemo fucilà. Oh vojantri bersajeri quanno entravio a Porta Pia, li zuavi scapporno via co la cacca a li carzon.

PIAZZALE FLAMINIO NEL FILM “NELL’ANNO DEL SIGNORE”

piazzale flaminioL’altra sera hanno riproposto in tv “Nell’anno del Signore”, gran bel film di Luigi Magni con un cast stellare (Nino Manfredi, Ugo Tognazzi, Alberto Sordi, Claudia Cardinale, Enrico Maria Salerno, Brit Ekland, ma anche Pippo Franco, Robert Hossein, Renaud Verley). Si tratta di un film del 1969, basato su un fatto realmente accaduto, l’esecuzione capitale di due carbonari nella Roma papalina. È il primo della trilogia proseguita con In nome del Papa Re (1977) e In nome del popolo sovrano (1990); film nei quali ricorre il tema del rapporto tra il popolo e l’aristocrazia romana con il potere pontificio, tra gli sconvolgimenti accaduti nel periodo risorgimentale. Nella foto, in quella che sarebbe diventato piazzale Flaminio, la ricostruzione del luogo: sullo sfondo piazza del Popolo. Cornacchia/Pasquino (Nino Manfredi) dà istruzioni a Paolo Bellachioma (Pippo Franco).