GALLERIA BORGHESE, LO STOP È FINITO

PAOLINA BORGHESE, CANOVALa cultura a Roma riparte dai suoi simboli. Non tutti, ma il calendario di riaperture a partire da martedì 19 punta a dare un segnale chiaro: permettere ai cittadini di riappropriarsi della bellezza della città, negata durante il lockdown, ma anche poco vissuta in tempi normali per via della grande affluenza turistica. Non a caso, l’Assessorato alla Cultura e la Sovrintendenza Capitolina hanno individuato i Musei Capitolini, il Palazzo delle Esposizioni e il Museo di Roma- Palazzo Braschi (compresa mostra di Canova) come gli spazi attraverso i quali dare il via alla nuova fase di graduale “normalizzazione”. Continue reading

LAVORI TANGENZIALE, DA DOMANI CHIUSO IL TRATTO VERSO L’OLIMPICO

TANGENZIALELavori in corso sulla Tangenziale, prosegue il cantiere in via del Foro Italico. Dopo la chiusura della carreggiata in direzione via Salaria, i lavori per la sostituzione dei giunti del ponte di Tor di Quinto entrano nella seconda fase. Dalle ore 22 di lunedì 18 maggio tra via dei Campi Sportivi e viale di Tor di Quinto prevista la chiusura della carreggiata in direzione dello Stadio Olimpico. Per consentire la viabilità, seppur con qualche inevitabile disagio, sarà istituito il doppio senso di marcia nella carreggiata in direzione di Salaria nel tratto compreso tra viale di Tor di Quinto e via dei Campi Sportivi. Fonte: Romatoday

QUARTIERE AFRICANO: AUTISTA ATAC PICCHIATO DA TRE RAGAZZI

viale libiaUbriachi con in mano le bottiglie di birra e senza mascherine nonostante siano obbligatorie a bordo dei mezzi pubblici. Ripresi dall’autista hanno prima danneggiato il bus e poi si sono scagliati con calci e pugni contro il dipendente Atac mandandolo all’ospedale con contusioni multiple. A vedersela brutta il conducente della linea 88 a finire in manette tre giovani sudamericani. L’aggressione si è consumata poco prima delle 23:00 di venerdì sera dopo che i tre, cittadini dell’Ecuador di 22, 22 e 23 anni, sono saliti a bordo del bus ad una fermata di viale Libia ubriachi e senza mascherine. Particolarmente molesti l’autista Atac li ha invitati a mettersi la mascherina o a scendere dal bus. Per contro i tre hanno cominciato a danneggiare la vettura lanciando oggetti all’interno della stessa.  Poi, non contenti, hanno aggredito l’autista con calci e pugni. Ad allertare le forze dell’ordine un collega della vittima che ha visto i tre aggredirlo. Arrivati sul posto gli agenti dei commissariati Villa Glori, Castro Pretorio, Trevi e Fidene, i tre hanno aggredito anche i poliziotti per poi essere bloccati non senza difficoltà. Fonte: Romatoday

VIA ALLEGRI: LA FGCI AUSPICA LA RIPRESA DEL CAMPIONATO DI CALCIO

Gabriele-Gravina“Chi invoca oggi l’annullamento della stagione non vuole bene né al calcio né agli italiani e toglie loro la speranza di futuro”. Parola del presidente della Federcalcio Gabriele Gravina. In un’intervista a Radio 1, in cui ribadisce la necessità di tornare in campo: “Su questo terrò duro  fino alla fine”, ammette. “E’ un momento complesso per il nostro paese, per l’economia e per il calcio che è una delle industrie più importanti. Con senso di responsabilità, disponibilità e buon senso troveremo la giusta via”. Continue reading

BREVE STORIA DEL QUARTIERE PINCIANO

piazza verdi in una foto d'epocaIl Quartiere Pinciano sorge, grosso modo, tra la Via Flaminia e la Via Salaria, nel primo tratto delle due arterie, ed è in gran parte occupato da Villa Borghese. Deve il suo nome alla via Pinciana ed alla Porta Pinciana, che sono in zona, anche se, nel 1911 era nato con il nome di Quartiere Vittorio Emanuele III, ed i romani già lo chiamavano Quartiere dei Fiumi, per via della toponomastica di molte strade, dedicate per l’appunto a fiumi Italiani. La parte settentrionale del Rione, invece, quasi sconfina nei Parioli: una buona parte di esso, infatti, è nella toponomastica comune dei romani parte dei Parioli, per quanto formalmente sia Quartiere Pinciano. Fonte: Rerum Romanarum

17 MAGGIO, GIORNATA CONTRO L’OMOFOBIA

17 MAGGIO, GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO L'OMOFOBIALa Giornata internazionale contro l’omofobia, la lesbofobia, la bifobia e la transfobia (o Idahobit, acronimo di International day against homophobia, biphobia and transphobia) è una ricorrenza promossa dal Comitato Internazionale per la Giornata contro l’Omofobia e la Transfobia e riconosciuta dall’Unione europea e dalle Nazioni Unite che si celebra dal 2004 il 17 maggio di ogni anno. L’obiettivo della giornata è quello di promuovere e coordinare eventi internazionali di sensibilizzazione e prevenzione per contrastare il fenomeno dell’omofobia, della bifobia e della transfobia.

IL GOETHE-INSTITUT DI VIA SAVOIA CONSIGLIA UN LIBRO

julia-von-lucadouIl Goethe-Institut di via Savoia consiglia un libro da leggere. Si tratta del romanzo di esordio di Julia von Lucadou, edito da Carbonio, “La tuffatrice”: un’inquietante visione del nostro presente nel momento in cui già diventa futuro prossimo. È una discesa all’inferno, un tuffo vero e proprio, vissuta in prima persona e in diretta, davanti ai nostri occhi e a quelli molto più attenti di una miriade di onnipresenti telecamere. Il tuffo, metaforico, verso l’inferno è quello di Hitomi, giovane psicologa che ha in cura, e sorveglia ventiquattrore su ventiquattro Riva, campionessa in crisi che ha lasciato inspiegabilmente le seguitissime gare di Highrise Diving, i tuffi dalla cima degli immensi grattacieli della città, che si risolvono un attimo prima dell’impatto con il terreno grazie alle evoluzioni delle atlete aiutate dalla miracolosa tuta Flysuite che le riproietta verso l’alto. Continue reading