SOSPESO IL CANONE COSAP SU INDICAZIONE DEL MUNICIPIO II

IL LOGO DEL MUNICIPIO IIÈ stata accolta la proposta fatta dal Municipio Roma II e Municipio Roma III alla Sindaca per sostenere tutte le attività commerciali prevedendo la sospensione del pagamento del canone Cosap (Canone occupazione aree e spazi pubblici) delle attività titolari di concessioni. L’emergenza sanitaria che stiamo vivendo andrà inevitabilmente avanti per mesi ed è nostro compito, come Municipio e Comune, permettere a tutte le aziende di riaprire e ripartire con tutte le agevolazioni possibili.

INIZIATA LA SANIFICAZIONE DELLE STRADE DEL NOSTRO MUNICIPIO

municipioScrive l’assessore all’Ambiente Rino Fabiano: “Sono iniziate su tutto il territorio cittadino le operazioni di sanificazione di strade e luoghi sensibili. Il programma e le modalità sono pubblicate sulle pagine del sito di Roma Capitale e del Municipio. Questo piano non sarà una tantum ma ripetuto nel tempo con scadenze previste di una volta a settimana da qui a fine emergenza. Al piano direttamente gestito dall’ Ufficio del stradeGabinetto della Sindaca sarà accompagnato un piano di riadattamento delle macchine piccole presenti sui territori. 1,5 L di prodotto verrà messo su ogni carico d’acqua dai 3000 L ai 5000 L a secondo dei mezzi a disposizione . In questo modo le autobotti potranno essere affiancate da mezzi più piccoli che potranno raggiungere più strade possibile. Un obiettivo importante che rappresenta un intervento concreto di strade 2vicinanza e cura dei cittadini. Le nostre Zone Operative già da giorni hanno iniziato questo lavoro , anche senza prodotto , dimostrando grande forza di volontà e coraggio nell’assumere iniziative. Per questo ringrazio tutti gli operai e le operaie che , nel rispetto della loro sicurezza e per quella di tutti , non hanno mai fatto mancare la propria presenza. Le immagini che pubblichiamo sono relative ai primi interventi di questa sanificazionemattina presso piazza Bologna, via Livorno e limitrofe, piazzale delle Province, viale delle Province ( alta e bassa),via della Lega Lombarda, piazza Valerio Massimo, via Lorenzo Il Magnifico e limitrofe”.

QUANDO IN PIAZZALE DEL BRASILE C’ERANO GLI EX VOTO

gli_ex-voto_sparitiQuando durante la seconda guerra mondiale la speranza dei romani di vederne la fine cominciava a vacillare, prese piede la “moda” di apporre su alcuni muri della città degli ex-voto (piccole targhe commemorative della grazia ricevuta o dell’espressione di una preghiera per la salute dei propri cari). In questa foto ne vediamo un esempio sulle Mura Aureliane di piazzale del Brasile, vicino ad una piccola effige della Madonna. Tuttavia a ridosso delle Olimpiadi del 1960 la città approfittò per rimuovere le targhe dai muri ormai pericolanti per il peso, perciò di ciò che vediamo nell’immagine rimane solo la Madonna. Sul piazzale si apre quello che oggi viene considerato l’ingresso principale di Villa Borghese (che in realtà era presso il portale di via Pinciana, di fronte al civico 67) ed è costituito da due pilastri quadrangolari sormontati dall’aquila e dal drago simbolo del Casato dei Borghese.

VIALE DEL POLICLINICO, L’EDICOLA DELLA MADONNINA

Edicola-Madonnina-del-TramviereIl 19 luglio 1943 il tramviere Marco Ferranti fu sorpreso dall’allarme antiaereo in viale del Policlinico e cercò scampo riparandosi accanto alle Mura Aureliane nei pressi di un’edicola sacra con una statuetta della Madonna del Divino Amore, frutto della devozione popolare. Il tramviere si raccomandò alla Madonnina e, “miracolosamente”, insieme a chi si era riparato lì vicino si salvò dal primo bombardamento di Roma. Il giorno dopo Ferranti appose sotto la statuetta una targa di marmo con la scritta “Alla Vergine Maria, per grazia ricevuta”. In seguito molte altre targhe furono attaccate su quel tratto di Mura, accanto alla “Madonnina del Tramviere” – come la chiamò la gente – dato che tra i romani si era diffusa l’abitudine di invocare quella Madonna durante le incursioni aeree.

NEL 1943 A VIA BASENTO C’ERA UNA TIPOGRAFIA CLANDESTINA

Nel 1943 c’era in via Basento 55 una tipografia clandestina. Vi si stampava “Italia libera”, il giornale del Partito d’Azione. Ne era direttore Leone Ginzburg, intellettuale coltissimo, ebreo, che contro il fascismo organizzò e animò redazioni, case editrici e gruppi partigiani. Nel 1933, insieme a Bobbio, Pavese e Giulio Einaudi fondò la casa editrice che porta il nome di quest’ultimo. Nel seminterrato di via Basento Leone Ginzburg stava lavorando alla redazione e alla pubblicazione di “Italia Libera” quando, il 19 novembre 1943, la polizia fascista fece irruzione e lo arrestò. Morì l’anno dopo, in seguito alle torture subite nel carcere di Regina Coeli, per non aver rivelato i nomi dei suoi compagni. Ginzburg è sepolto nel cimitero del Verano.

IL 27 MARZO SANIFICAZIONE DELLE STRADE NEL MUNICIPIO

SANIFICAZIONE STRADEA seguito dell’emergenza e delle misure in materia di contenimento del “Codiv 19” Amaroma Spa ha predisposto una serie di interventi, dalla rimodulazione del servizio di raccolta porta a porta, alla sanificazione delle principali strade di Roma. Eccoli: 27 marzo – Interventi di sanificazione stradeRaccolta Porta a Porta – Villaggio Olimpico e Prato della SignoraRaccolta porta a porta – San Lorenzo Zona ARaccolta porta a porta – San Lorenzo Zona B.

FARMACI: COME ATTIVARE LA RICETTA ELETTRONICA

RICETTA ELETTRONICALa ricetta medica si smaterializza e diventa digitale. Nell’ambito della gestione dell’emergenza Coronavirus il capo della Protezione civile Angelo Borrelli ha firmato un’ordinanza per consentire ai medici di inviare le ricette via e-mail o tramite telefono, senza la necessità di recarsi fisicamente dai medici di base: i cittadini avranno un codice dal proprio medico in modo da poter ritirare i farmaci. Per il ministro della Salute Roberto Speranza si tratta di “un passo avanti tecnologico che rende più efficiente tutto il Sistema sanitario nazionale”, ma anche di un modo per limitare gli spostamenti ed evitare che aumentino i contagi da Covid-19. Continue reading

IL CONCORSO IPPICO DI PIAZZA DI SIENA RINVIATO AL 2021

piazza di siena 2Salta nel 2020 anche l’edizione del concorso ippico di Piazza di Siena a Roma. “In considerazione della gravissima situazione determinata dall’emergenza Covid-19 e delle stringenti disposizioni per il contenimento del contagio stabilite dal governo italiano e dalla maggioranza dei Paesi esteri, la Federazione Italiana Sport Equestri – dopo aver analizzato l’attuale scenario con il Comitato Organizzatore del Concorso ippico Internazionale Ufficiale di Roma e dunque con il Coni e Sport e Salute Spa – ha concordato l’annullamento dell’edizione 2020 del Concorso ippico”, spiegano in una nota. “La dolorosa decisione è apparsa inevitabile, alla luce delle misure messe in atto dal governo per la tutela della salute pubblica e nel rispetto di un evento fatto di tradizione, cultura e storia che trova la sua essenza nella presenza del pubblico, nell’interazione sociale con la città di Roma e nel senso di ospitalità verso le persone provenienti da tutto il mondo. L’evento programmato dal 28 al 31 maggio nello storico ovale di Villa Borghese, avrebbe rappresentato l’edizione numero 88 della storia del Concorso, certamente tra i più importanti nel panorama mondiale degli sport equestri. L’appuntamento per il 2021 è sin d’ora fissato: dal 26 al 30 maggio”, spiegano.

“VACANZE ROMANE”, QUEL CIACK ALLE MURA AURELIANE

VACANZE ROMANE Non sarà tra le scene che si ricordano di più del famosissimo film “Vacanze romane”, con Audrey Hepburn e Gregory Peck, come quelle della Bocca della Verità o di Trinità dei Monti, o ancora dei giri in vespa per il centro di Roma. Però c’è. Ed è quella girata in viale del Policlinico, proprio all’angolo con l’Umberto I, quando i due protagonisti vanno a vedere gli ex voto lasciati lì dagli scampati al bombardamento di San Lorenzo. Ora quelle centinaia di targhette non sono più lì, sono state trasferite al Santuario del Divino Amore: restano nelle foto d’epoca e in questo film ‘cult’ degli anni Cinquanta.